Valle del Tirso IGP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#valledeltirso


Il Valle d’Itria IGP comprende le seguenti tipologie di vino: Bianco, Rosso, Rosato, Spumante, Passito Bianco, Passito Rosso, Uve Stramature Bianco, Uve Stramature Rosso, Novello Rosso e Novello Rosato. L’Indicazione include anche numerose specificazioni da vitigno.

Zona di produzione

La zona di produzione del Valle del Tirso IGP comprende l’intero territorio dei comuni di Baratili S. Pietro, Cabras, Milis, Narbolia, Nurachi, Ollastra, Oristano, Palmas Arborea, Riola Sardo, S. Vero Milis, S. Giusta, Siamaggiore, Solarussa, Tramatza, Zeddiani e Zerfaliu in provincia di Oristano, nella regione Sardegna.

Uvaggio

I vini a IGP Valle d’Itria bianchi, rossi e rosati devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale, da uno o più vitigni a bacca di colore corrispondente, idonei alla coltivazione per le province di Bari, Brindisi e Taranto.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Valle d’Itria IGP Bianco, da solo o con la specificazione da vitigno, è di colore giallo paglierino; al naso ha intensi profumi di frutti maturi a polpa bianca, note morbide e di erbe tagliate; in bocca è fresco, da secco ad abboccato. Può presentare anche la versione Frizzante. Il Valle d’Itria IGP Rosso, da solo o con la specificazione da vitigno, ha un colore che va dal rosso rubino al granato; al naso si apre con profumi di piccoli frutti di bosco, frutta matura, spezie dolci ed evoluzioni verso il cuoio e il cacao; in bocca è di buona struttura, giustamente tannico, armonico, da secco ad abboccato. Può presentare anche la versione Frizzante. Il Valle d’Itria IGP Rosato, da solo o con la specificazione da vitigno, ha un colore rosato; al naso ha espressioni floreali di viola, di caramella e cassis, con toni balsamici e freschi; in bocca è vivace, da secco ad abboccato. Può presentare anche la versione Frizzante. Il Valle d’Itria IGP Spumante, da solo o con la specificazione da vitigno, è di colore giallo paglierino con riflessi dorati e spuma fine e persistente; al naso è fragrante e complesso, con aromi caratteristici della rifermentazione; il sapore è fresco, sapido, armonico fino all’amabile. Il Valle d’Itria IGP Passito Bianco, da solo o con la specificazione da vitigno, si presenta con nuances dal giallo paglierino al dorato; i profumi sono caratteristici del frutto appassito, con note delicate e persistenti; al palato si offre armonico con varietà gustativa dal secco al dolce. Il Valle d’Itria IGP Passito Rosso, da solo o con la specificazione da vitigno, è di colore rosso rubino tendente al granato con l’invecchiamento; al naso sprigiona sentori di amarena, frutti rossi e spezie; al palato è armonico, giustamente delicato, persistente, nelle versioni dal dolce al secco. Il Valle d’Itria IGP Uve Stramature Bianco, da solo o con la specificazione da vitigno, ha un colore che varia dal giallo paglierino al dorato; al naso i profumi sono delicati e persistenti; al gusto varia dal secco al dolce. Il Valle d’Itria IGP Uve Stramature Rosso, da solo o con la specificazione da vitigno, si mostra di colore rosso rubino tendente al granato con l’invecchiamento; i profumi sono di mirtillo, mora e frutti rossi; al palato è armonico e va dal dolce al secco. Il Valle d’Itria IGP Novello Rosso, da solo o con la specificazione da vitigno, è di colore rubino; al naso spiccano gli aromi primari; il sapore va da secco ad abboccato. Il Valle d’Itria IGP Novello Rosato, da solo o con la specificazione da vitigno, si presenta di colore rosato; i profumi sono fruttati; al gusto è equilibrato con gamma gustativa dal secco al’abboccato. Per le uve destinate alla produzione dell’IGP Valle d’Itria Passito e Uve Stramature è consentito l’appassimento anche sulla pianta.

Specificazioni da vitigno

La IGP Valle d’Itria con la specificazione di uno dei vitigni idonei alla coltivazione nell’area interessata, è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale per almeno l’85% dai corrispondenti vitigni. Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e dei vini sopra indicati, le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, diversi da quello oggetto di specificazione, idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%. I vini a Indicazione Geografica Protetta Valle d’Itria con la specificazione di vitigno, possono essere prodotti anche nelle tipologie Frizzante, Spumante limitatamente alla specificazione di vitigno a bacca bianca, Passito, e Novello nonché nella tipologia Vino da Uve Stramature provenienti da Vendemmia Tardiva. Nella designazione e presentazione dei vini Valle d’Itria IGP è consentito utilizzare il riferimento al nome di due vitigni, a condizione che il vino prodotto derivi al 100% dai vitigni indicati e che il vitigno che concorre in quantità minore rispetto all’altro sia presente in percentuale superiore al 15%. I vini Valle d’Itria IGP con la specificazione del vitigno, oltre alle caratteristiche specificate per i vini del corrispondente colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO