Falerio DOP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#FalerioDOP


Il Falerio DOP comprende le sola tipologia di vino Bianco. La Denominazione include anche numerose specificazioni da vitigno.

Zona di produzione

La zona di produzione del Falerio DOP comprende il territorio di numerosi comuni appartenenti alle province di Ascoli Piceno e Fermo, nella regione Marche.

Uvaggio

Bianco: Trebbiano toscano 20-50%, Passerina 10-30%, Pecorino 10-30%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo, non aromatiche, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 20%.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Falerio DOP ha un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli; all’odore presenta un fruttato delicato con sentori di mela, banana e ananas; il sapore, secco e gradevolmente acidulo, ben si sposa con la sua discreta struttura, è di buona persistenza aromatica e mantiene il suo aroma caratteristico anche dopo due o tre anni dalla vendemmia.Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nell’ambito dell’intero attuale territorio amministrativo della provincia di Ascoli Piceno e della provincia di Fermo.Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino a Denominazione di Origine Protetta Falerio nelle diverse tipologie un titolo alcolometrico naturale minimo di 11°.

Specificazioni da vitigno

Il Falerio DOP può presentare le specificazioni dei vitigni sottoindicati.Da vitigno bianco: Pecorino minimo 85%, da solo o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo, non aromatiche, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%.Le caratteristiche di colore, profumo e gusto di ciascuna specifica sono quelle tipiche del vitigno e del terroir di provenienza.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO