Roma DOP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#RomaDOP


Il Roma DOP comprende le seguenti tipologie di vino: Bianco (anche Amabile), Rosso (anche Amabile), Rosso Riserva, Rosato e Spumante (Romanella). La Denominazione include anche numerose specificazioni da vitigno.

Zona di produzione

La zona di produzione del Roma DOP comprende il territorio di numerosi comuni in provincia di Roma, nella regione Lazio.

Uvaggio

Bianco (anche Classico), Romanella Spumante: Malvasia del Lazio minimo 50%, Bellone e/o Bombino e/o Greco bianco e/o Trebbiano giallo e/o Trebbiano verde minimo 35%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%.Rosso (anche Classico), Rosato (anche Classico): Montepulciano minimo 50%, Cesanese comune e/o Cesanese di Affile e/o Sangiovese e/o Cabernet Sauvignon e/o Cabernet Franc e/o Syrah minimo 35%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Roma DOP Bianco (anche con la specificazione Classico) si presenta di colore giallo paglierino, talvolta con riflessi verdognoli; al naso spiccano evidenti note floreali e fruttate, con sensazioni di erbe aromatiche; in bocca la vena salmastra e la freschezza sono determinanti. Può presentare anche la versione Amabile. Il Roma DOP Rosso (anche con la specificazione Classico e le menzioni Riserva e Classico Riserva) ha un colore rosso rubino con riflessi violacei, tendenti al granato con l’invecchiamento; i profumi sono ricchi di note di frutti di bosco, cassis e mirtillo; al gusto è intenso e ricco di corpo, con persistenza aromatica. Può presentare anche la versione Amabile. Per la menzione Riserva il vino deve essere stato sottoposto a un periodo di invecchiamento non inferiore a 24 mesi a decorrere dal primo novembre dell’anno di produzione delle uve.Il Roma DOP Rosato è di colore rosato più o meno intenso; al naso si caratterizza per gli intensi sentori fruttati di mora, lampone e fragola e per le leggere note floreali di rosa; in bocca è di buona sapidità, immediato, fresco e con un persistente finale fruttato. Può presentare la menzione Classico.Il Roma DOP Romanella Spumante si presenta di colore giallo paglierino tenue con spuma fine e evanescente; al naso è dolce, fresco, con sentori floreali di biancospino, mughetto e glicine che si fondono con note fruttate di pesca bianca, pera estiva e mandorla fresca; al palato è bilanciato, di piacevole beva e grande espressività.I vini Roma DOP Bianco, con o senza specificazione da vitigno, e i vini Roma DOP Rosato devono essere immessi in commercio non prima del 15 marzo dell’anno successivo alla produzione delle uve; la tipologia Roma DOP Rosso può essere immessa al commercio non prima del 31 marzo dell’anno successivo alla vendemmia; i vini Roma DOP Romanella Spumante devono essere immessi al consumo non prima del 15 marzo dell’anno successivo alla vendemmia.

Specificazioni da vitigno

Il Roma DOP può presentare le specificazioni dei vitigni sottoindicati.Da vitigno bianco (anche Classico): Malvasia puntinata, Bellone, ciascuno minimo 85%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%.Le caratteristiche di colore, profumo e gusto di ciascuna specifica sono quelle tipiche del vitigno e del terroir di provenienza.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO