Quistello IGP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#QuistelloIGP


Il Quistello IGP comprende le seguenti tipologie di vino: Bianco, Rosso, Rosato e Novello. L’Indicazione include anche numerose specificazioni da vitigno.

Zona di produzione

La zona di produzione del Quistello IGP comprende l’intero territorio dei comuni di Quistello, Quingentole, San Giacomo delle Segnate e San Giovanni del Dosso in provincia di Mantova, nella regione Lombardia.

Uvaggio

I vini a IGP Quistello bianchi, rossi, rosati devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale, da uno o più vitigni a bacca di colore corrispondente, idonei alla coltivazione nella regione Lombardia.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Quistello IGP Bianco, da solo o con la specificazione da vitigno, è di colore giallo paglierino; ha profumi gradevoli nei quali si possono riconoscere la pesca, l’ananas, la mela e il glicine; al gusto è tipico, pieno e talvolta abboccato. Può presentare anche la versione Frizzante.Il Quistello IGP Rosso, da solo o con la specificazione da vitigno, si presenta di colore rosso rubino tendente al granato; al naso esprime note di ciliegia, mirtillo, cacao, macchia mediterranea e spezie dolci; in bocca è morbido, sapido, con tannini equilibrati e ritorni fruttati. Può presentare anche la versione Frizzante.Il Quistello IGP Rosato, da solo o con la specificazione da vitigno, si presenta di colore rosa più o meno intenso; al naso si esprime con profumi di fiori, violetta e di frutti di bosco freschi; in bocca è asciutto, sapido, morbido e con un finale fruttato. Può presentare anche la versione Frizzante.Il Quistello IGP Novello, da solo o con la specificazione da vitigno, è di colore rosso brillante; i profumi sono fruttati, gradevoli, tipici dei vini giovani; al palato è un vino fresco, asciutto con ritorni fruttati.

Specificazioni da vitigno

La IGP Quistello con la specificazione di uno dei vitigni (con esclusione del vitigno Tocai) idonei alla coltivazione nell’area interessata, è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale, per almeno l’85% dai corrispondenti vitigni.Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e dei vini sopraindicati, le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatiche, idonee alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%.I vini a Indicazione Geografica Protetta Quistello con la specificazione di uno dei vitigni possono essere prodotti anche nelle tipologie Frizzante e, limitatamente ai rossi, nella tipologia Novello.I vini Quistello IGP con la specificazione del vitigno, oltre alle caratteristiche indicate per i vini del corrispondente colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO