Penisola Sorrentina DOP – Olio EVO

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#olioPenisolaSorrentinaDOP


L’olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina DOP è ottenuto dai frutti dell’olivo della varietà Ogliarola o Minucciola presente negli oliveti per almeno il 65%; Rotondella, Frantoio, Leccino, presenti da sole o congiuntamente, in misura non superiore al 35%. Possono concorrere altre varietà di olivo per il restante 20%.

Metodo di produzione

Le olive devono essere raccolte direttamente dalla pianta a mano o con mezzi meccanici. La raccolta deve avvenire entro il 31 dicembre di ogni anno e può essere protratta fino al 30 gennaio solo in presenza di particolari andamenti stagionali e previo atto deliberativo della regione Campania. La molitura delle olive deve avvenire entro il secondo giorno dalla raccolta.

Aspetto e sapore

L’olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina DOP presenta colore dal verde al giallo paglierino più o meno intenso. L’odore è fruttato. Il sapore è fruttato con media o debole sensazione di amaro e leggero sentore di piccante.

Zona di produzione

La zona di produzione e trasformazione dell’olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina DOP interessa il territorio di alcuni comuni della provincia di Napoli, nella regione Campania.

Storia

La coltivazione dell’olivo nella zona di produzione dell’olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina DOP ha origini molto antiche, risalenti al periodo della Magna Grecia. Ne sono testimonianza i numerosi reperti di templi, dedicati alla dea Minerva, in cui sono stati ritrovati gli antichi recipienti utilizzati per l’offerta dell’olio. Particolarmente noto è il tempio eretto dai Focesi a Punta Campanella, estremo promontorio del Golfo di Napoli; lungo il percorso i pellegrini erano soliti acquistare olio da bruciare sull’ara della dea.

Gastronomia

L’olio extravergine di oliva è un alimento facilmente deperibile che necessita di una corretta conservazione per mantenere intatte le sue caratteristiche organolettiche. È dunque opportuno conservarlo in ambienti freschi e al riparo dalla luce, ad una temperatura compresa fra 14 e 18°C, lontano da fonti di calore e da prodotti che emanano particolari odori. È inoltre consigliabile consumarlo entro 4-6 mesi dalla spremitura, per gustarlo nel periodo di massima espressione del suo sapore. L’olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina DOP, per il suo gusto intensamente aromatico, è ideale impiegato sulle pietanze tipiche della gastronomia campana e in generale sulle grigliate di pesce e di verdure. È inoltre indicato in abbinamento ai sorbetti e alla “delizia al limone”, dolce caratteristico della zona.

Commercializzazione

Il prodotto è immesso in commercio nella tipologia olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina DOP. È commercializzato confezionato in recipienti di vetro o banda stagnata di capacità non superiore a 5 l. L’etichetta deve riportare l’indicazione Penisola Sorrentina seguita dalla menzione Denominazione di Origine Protetta (DOP), il simbolo comunitario e l’annata di produzione. Sulla confezione deve essere apposto l’apposito contrassegno di garanzia composto da un codice alfanumerico univoco che assicura la tracciabilità del prodotto.

Nota distintiva

L’olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina DOP si caratterizza per un livello di acidità massima totale di 0,8 g per 100 g di olio.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO

Anno

PRODUZIONE (KG o LT)

FATTURATO (Mln €)

EXPORT (MLN €)

2016 16,034 0.13 -
2015 181 -
2014 11,400 0.15
2013 17,047 0.20
2012 9,260 0.10
2011 3,076 0.03
2010 5,869 0.06
2009 16,416 0.17
2008 7,284 0.08
2007 8,017 0.09 -
2006 12,784 0.15 -