Montecucco DOP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#montecuccodop


Il Montecucco DOP comprende le seguenti tipologie di vino: Bianco, Rosso, Rosato, Vermentino, Vin Santo e Vin Santo Occhio di Pernice.

Zona di produzione

La zona di produzione del Montecucco DOP comprende il territorio dei comuni di Cinigiano, Civitella Paganico, Campagnatico, Castel del Piano, Roccalbegna, Arcidosso e Seggiano in provincia di Grosseto, nella regione Toscana.

Uvaggio

Bianco: Trebbiano toscano e Vermentino minimo 40%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 60%.Rosso (anche Riserva): Sangiovese minimo 60%, da solo o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 40%, con l’esclusione della Malvasia nera, Malvasia nera di Brindisi e Aleatico.Rosato: Sangiovese e/o Ciliegiolo minimo 60%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 40%, con l’esclusione della Malvasia nera, Malvasia nera di Brindisi e Aleatico.Vin Santo: Malvasia bianca, Grechetto bianco e Trebbiano toscano, da soli o congiuntamente, minimo 70%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 30%.Vin Santo Occhio di Pernice: Sangiovese minimo 70%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 30%.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Montecucco DOP Bianco si presenta con un colore giallo paglierino più o meno carico; i profumi sono floreali di fiori bianchi e di frutta a polpa bianca; al gusto è di buona acidità, con un ottimo equilibrio gustativo. Il Montecucco DOP Rosso si presenta di colore rosso rubino intenso; al naso i profumi sono fruttati e floreali, con note di frutti di bosco e spezie; in bocca si offre generoso, di buona struttura e con tannini importanti. Può presentare la menzione Riserva in seguito a periodo di affinamento obbligatorio complessivo di 18 mesi, di cui 12 mesi in contenitori di legno e di sei mesi in bottiglia. Il periodo di invecchiamento decorre dal primo novembre dell’anno di produzione delle uve. Il Montecucco DOP Rosato è di un colore che va dal rosa tenue al rosa cerasuolo; i profumi che sprigiona sono freschi, fruttati e fioriti con delicate note di rose e fragole; in bocca si rivivono le sensazioni olfattive, arricchite da un gusto sapido, fresco e di buona struttura ed equilibrio. Il Montecucco DOP Rosato deve essere ottenuta con la vinificazione in “rosato” delle uve a bacca rossa. Il Montecucco DOP Vin Santo si presenta con un colore che va dal giallo dorato fino all’ambrato intenso; il profumo è ricco e complesso, etereo, con evidenti note di frutta matura, di uva passa e candita; al gusto denota sensazioni vellutate, rotonde, con una notevole lunghezza e persistenza. Il Montecucco DOP Vin Santo Occhio di Pernice ha un bel colore tra l’ambrato e topazio intenso con ampia unghia rossiccia che si fa marrone con l’età; spiccano al naso profumi di frutta matura e marmellata; in bocca è fresco e ricco di sostanza, con un finale dolce, lungo e armonico. Il vino Montecucco DOP Rosso non può essere immesso al consumo prima del primo settembre dell’anno successivo a quello di produzione delle uve; il vino Montecucco DOP Rosso con menzione Riserva non può essere immesso al consumo prima del primo novembre del secondo anno successivo a quello di produzione delle uve. Per i vini Montecucco DOP Bianco e Montecucco DOP Rosato l’immissione al consumo può avvenire dal primo febbraio dell’anno successivo a quello di produzione delle uve. Il Montecucco DOP Vin Santo e il Montecucco DOP Vin Santo Occhio di Pernice devono essere prodotti col tradizionale metodo di vinificazione che prevede appassimento naturale in locali idonei e l’invecchiamento in recipienti di legno (caratelli) di capacità non superiore a 500 litri per un periodo minimo di 18 mesi a decorrere dal primo gennaio successivo all’anno di raccolta delle uve. L’immissione al consumo è consentita a partire dal primo novembre del terzo anno successivo a quello di produzione delle uve.Il Montecucco DOP Vermentino presenta colore giallo paglierino; odore delicato, fresco e caratteristico, al palato risulta asciutto, morbido e sapido.

Specificazioni da vitigno

Il Montecucco DOP può presentare le specificazioni dei vitigni sottoindicati. Da vitigno bianco: Vermentino minimo 85%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%. Le caratteristiche di colore, profumo e gusto di ciascuna specifica sono quelle tipiche del vitigno e del terroir di provenienza. Il vino Montecucco DOP Vermentino non può essere immesso al consumo prima del primo febbraio dell’anno successivo a quello di produzione delle uve.

Specificazioni aggiuntive

La denominazione Montecucco DOP può essere seguita dalla menzione Vigna con relativo toponimo.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO