Lenticchia di Altamura IGP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#lenticchiadialtamuraigp


(SCHEDA PRODOTTO PROVVISORIA). L’Indicazione Geografica Protetta Lenticchia di Altamura è riservata alla lenticchia secca appartenente alle varietà Laird ed Eston appartenenti alla specie: Lens esculenta Moench (Sinonimi: Ervum lens. L., Lens culinaris Medic).

Aspetto e sapore

La Lenticchia di Altamura IGP si contraddistingue oltre che per le dimensioni, anche per il loro colore verde, risultato della raccolta del legume poco prima della completa maturazione, onde favorirne la conservazione degli aromi. Il suo gusto è più dolce rispetto alle altre, e si distinguono i sentori erbacei e aromatici. Sotto l'aspetto nutrizionale è ricca di ferro e di carboidrati, ma facilmente digeribile grazie alla presenza di molte fibre, sali minerali e vitamine.

Zona di produzione

La zona di produzione della Lenticchia di Altamura IGP comprende il territorio amministrativo dei seguenti Comuni: Altamura, Ruvo di Puglia, Corato, Minervino Murge, Andria, Spinazzola, Poggiorsini; Gravina in Puglia, Cassano delle Murge, Santeramo in Colle nella regione Puglia; Montemilone, Palazzo San Gervasio, Genzano di Lucania, Irsina, Tricarico, Matera, Banzi, Forenza, Tolve nella regione Basilicata.

Commercializzazione

La Lenticchia di Altamura deve essere immessa al consumo in confezioni della capacità massima di kg 10 per uso Alimentare. Esclusivamente per le transazioni commerciali all’ingrosso il prodotto può essere confezionato in big bags della capacità massima di 30 q.li o in sacchi della capacità massima di 25 kg idonei all’uso alimentare.

ORGANISMO DI CONTROLLO