Garda DOP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#gardadoc


Il Garda DOP comprende le seguenti tipologie di vino: Bianco, Bianco Frizzante, Spumante Bianco, Spumante Rosè, Rosè Frizzante, Passito Bianco, Rosso, Passito Rosso. La Denominazione include anche numerose specificazioni da vitigno.

Zona di produzione

La zona di produzione del Garda DOP comprende il territorio di numerosi comuni in provincia di Verona, nella regione Veneto e numerosi comuni appartenenti alle province di Mantova e Brescia, nella regione Lombardia.

Uvaggio

Bianco (anche Spumante, Frizzante e Passito): Garganega, Trebbiano (Trebbiano di Soave e/o Trebbiano Toscano) e/o Chardonnay e/o Pinot grigio, minimo 50%, da soli o con aggiunta di uve provenienti da vitigni a bacca bianca, non aromatici e/o bacca nera vinificati in bianco, idonei alla coltivazione per la provincia di Verona. Rosso, Rosato: Corvina e/o Merlot e/o Cabernet e/o Pinot nero, minimo 50%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da vitigni idonei alla coltivazione per la provincia di Verona.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Garda DOP Bianco è di colore giallo più o meno intenso tendente al giallo verdolino; al naso si esprime con un frutto dolce sfumato di erba medica, fieno e mandorla; al gusto le note fruttate si esaltano con le sensazioni di freschezza, sapidità e mineralità. Può presentare anche la versione Frizzante. Il Garda DOP Spumante Bianco ha un colore giallo paglierino più o meno intenso; al naso è fine e caratteristico; in bocca risulta fresco e armonico nelle tipologie che vanno dal brut nature a demisec. Il Garda DOP Spumante Metodo Classico Bianco è di colore giallo paglierino più o meno intenso con un perlage fine e persistente; al naso risulta ampio e persistente; al palato è sapido, fresco e armonico con una buona struttura nelle tipologie da brut nature a extra dry. Il Garda DOP Passito Bianco ha un colore giallo dorato più o meno intenso; all’olfatto è intenso e fruttato, al palato risulta caratteristico e armonico nelle tipologie da secco a dolce. Il Garda DOP Spumante Rosè è di colore rosa più o meno intenso con spuma fine e persistente; al naso presenta un ampio bouquet fine e caratteristico; al palato risulta sapido, di buona struttura nelle tipologie da brut nature a extra dry. Il Garda DOP Spumante Metodo Classico Rosè è di colore rosa più o meno intenso con perlage fine e persistente; al naso si offre con un bouquet fine e caratteristico; in bocca risulta fresco, di buona struttura nelle tipologie da brut nature a extra dry. Il Garda DOP Rosè Frizzante è di colore rosa più o meno intenso con una spuma fine ed evanescente; al naso risulta fine e caratteristico; al palato si presenta sapido e armonico nel gusto che va da secco ad amabile. Il Garda DOP Rosso è di colore rosso rubino più o meno intenso; al naso è complesso di frutti maturi e mineralità; in bocca è armonico e fruttato nelle tipologie che vanno da secco ad abboccato. Il Garda DOP Passito Rosso è di colore rosso rubino con riflessi granati; al naso è intenso con note fruttate e speziate; in bocca risulta corposo e armonico nelle tipologie da secco a dolce. Il Garda DOP Passito Rosso e il Garda DOP Passito Bianco possono essere immessi al consumo a partire dal 1° settembre dell'anno successivo alla vendemmia.

Specificazioni da vitigno

Il Garda DOP può presentare le specificazioni dei vitigni sottoindicati. Da vitigno bianco: Garganega, Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay, Riesling (Riesling italico e/o Riesling Renano), Cortese, Sauvignon minimo 85%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area della provincia di Verona e della regione Lombardia fino a un massimo del 15%. Da vitigno rosso: Cabernet (Cabernet Franc e/o Cabernet Sauvignon e/o Carmenère), Cabernet Sauvignon, Pinot nero, Merlot, Marzemino, Corvina, minimo 85%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo, non aromatiche, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area della provincia di Verona e della Regione Lombardia fino a un massimo del 15%. Le caratteristiche di colore, profumo e gusto di ciascuna specifica sono quelle tipiche del vitigno e del terroir di provenienza. Per i vini a Denominazione d'Origine Protetta Garda, è consentito il riferimento ai nomi di due vitigni a condizione che il vino prodotto derivi al 100% dai vitigni indicati e che il vitigno che concorra in quantità minore rispetto all'altro, sia presente in percentuale non inferiore al 15%.

Specificazioni aggiuntive

DOP Interregionali: il Garda DOP viene prodotto con le stesse caratteristiche nelle province di Verona in Veneto e Mantova e Brescia, nella regione Lombardia. La denominazione Garda DOP può essere seguita dalla menzione Vigna con relativo toponimo.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO