Fagiolo di Sorana IGP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#FagiolodiSoranaIGP


Il Fagiolo di Sorana IGP si riferisce al seme allo stato secco, di tipo Bianco o Rosso, della leguminosa appartenente alla specie botanica Phaseolus vulgaris L.

Metodo di produzione

Il terreno su cui viene coltivato il Fagiolo di Sorana IGP è ricco di sabbia e ghiaia e copre alcuni ettari lungo il torrente Pescia (il cosiddetto “ghiareto”). Tali terreni devono essere facilmente irrigabili con le acque superficiali e di falda del bacino idrografico del Pescia di Pontito. La concimazione di fondo è prevalentemente di tipo organico, come lo è quella di copertura. La semina, previa adeguata lavorazione meccanica o manuale del terreno, deve essere effettuata con seme derivante dalla popolazione locale e avviene durante l’ultima luna di maggio. La raccolta invece si effettua fra agosto e settembre e viene eseguita completamente a mano dalla pianta, al momento della quasi deiscenza delle valve del baccello. La fase successiva riguarda l’essiccazione dei fagioli, che ha luogo al sole per 3-4 giorni. La conservazione del prodotto non immediatamente confezionato avviene in appositi contenitori di vetro o di plastica per alimenti, con l’aggiunta di pepe in grani o radici di valeriana o foglie di alloro, in modo da impedire eventuali attacchi di insetti.

Aspetto e sapore

Il Fagiolo di Sorana IGP di tipo Bianco ha forma irregolare e schiacciata (da qui il nome distintivo di “piattellino”) molto più piccola del comune cannellino; il tegumento è impercettibile al palato e si presenta di color bianco latte, con leggere venature perlacee, che dopo la cottura assumono il caratteristico colore rosato; è altamente digeribile e di sapore delicato. Il tipo Rosso (Antico rosso) ha tegumento inconsistente, colore rosso vinato, con striature più scure, forma allungata quasi cilindrica, sapore più rustico e intenso ma sempre di alta digeribilità.

Zona di produzione

La zona di produzione del Fagiolo di Sorana IGP comprende parte del territorio del comune di Pescia, nei versanti orientale ed occidentale del torrente Pescia di Pontito, in provincia di Pistoia, nella regione Toscana.

Storia

Nel comprensorio pesciatino, il Fagiolo di Sorana IGP ha trovato un habitat ideale grazie alle bonifiche volute dai Medici e dai Granduchi leopoldini. Fra i personaggi che sono rimasti sedotti da questi legumi non mancano nomi illustri come Gioacchino Rossini, Edmondo de Amicis, Giuseppe Verdi e Giuseppe Garibaldi, Giacomo Puccini e Pio XI. In tempi più recenti, va ricordato quale grande estimatore Indro Montanelli, che intervenne con grande efficacia nella battaglia intrapresa da produttori e comunità locale negli anni Novanta per la salvaguardia del territorio di produzione del Fagiolo di Sorana. All’inizio degli anni Ottanta la coltivazione del fagiolo era infatti quasi scomparsa, come conseguenza dello spopolamento della zona dopo i conflitti mondiali. Il suo recupero si deve all’iniziativa della Piccola Associazione di produttori del Ghiareto Onlus di Sorana che, promuovendo il riconoscimento della IGP, ha incoraggiato il ritorno alla coltivazione di terreni da tempo abbandonati.

Gastronomia

Il Fagiolo di Sorana IGP va conservato in luogo fresco e asciutto. La cottura non ne altera il valore nutrizionale. Per il sapore delicato e per non deteriorarne le qualità, è consigliabile mettere il Fagiolo di Sorana IGP a bagno in acqua tiepida la sera precedente la cottura, quindi farlo bollire lentamente nella medesima acqua, preferibilmente nella fiasca di vetro a bocca larga, che a Pescia viene denominata gozzo, o nella tradizionale pentola di coccio. A cottura ultimata, è opportuno farlo riposare per mezza giornata e infine servirlo condito con l'olio extravergine di oliva Toscano IGP, poco sale e pepe bianco.

Commercializzazione

Il prodotto è immesso in commercio nelle tipologie Fagiolo di Sorana IGP Bianco e Rosso. È commercializzato in contenitori di vetro o in sacchetti di plastica per alimenti, di peso e dimensione variabile, obbligatoriamente sigillati e etichettati.

Nota distintiva

Il Fagiolo di Sorana IGP deve la sua polpa soffice ed il gusto deciso ed elegante allo straordinario microclima della zona di produzione caratterizzato da una scarsa insolazione e abbondanti guazze notturne.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO

Albrecht Vanessa

Via S. Vincenzo, 4
Castelvecchio (PT)
Tel: 334 505414
Email:

Az. Agricola Bernocchi Mauro

Via Ponte di Sorana, 3
Sorana (PT)
Tel: 0572 407071

Az. Agricola Chelini Rita

Via Viepori, 18
Castelvecchio (PT)
Tel: 0572 400016
Email:

Az. Agricola Dingacci Romano

Via Ponte di Sorana, 52
Castelvecchio (PT)
Tel: 0572 400080

Az. Agricola Flori Leonardo

Via A. Sforzini, 10
Castelvecchio (PT)
Tel: 0572 400289
Email:

Az. Agricola Maltagliati Franco

Via Ravi, 60
Vellano (PT)
Tel: 0572 405458

Az. Agricola Marchini Alfio

Via Ponte di Sorana, 43
Castelvecchio (PT)
Tel: 0572 400082
Email:
Sito Web:

Az. Agricola Paoli Elisa

Via Ponte di Sorana, 58
Castelvecchio (PT)
Tel: 328 4546853
Email:

Az. Agricola Smeraldi Alessio

Via della Rocca, 2
Sorana (PT)
Tel: 0572 407104
Email:

Carreri Mauro

Via del Pozzo, 2
Sorana (PT)
Tel: 0572 407055
Email:

Cooperativa “Il Castagno” srl

Via della Seta, 4
San Quirico (PT)
Tel: 333 3274212
Email:

De Poli Ulisse

Via Viepori, 110
Castelvecchio (PT)
Tel: 0572 400032

Dingacci Roberto

Via Ponte di Sorana, 58
Castelvecchio (PT)
Tel: 0572 400080
Email:

Giuliani Cristiano

Via Ponte di Sorana
Sorana (PT)
Tel: 331 2084700

Sabbatini Riccardo

Via del Lavatoio
Castelvecchio (PT)
Tel: 0572 400010

Sansoni Piercarlo

Via Borgo, 9
Sorana (PT)
Tel: 0572 407080

Anno

PRODUZIONE (KG o LT)

FATTURATO (Mln €)

EXPORT (MLN €)

2016 6,099 0.12 -
2015 5,979 0.10
2014 5,560 0.14
2013 6,210 0.15
2012 7,570 0.19
2011 7,649 0.15
2010 7,764 0.16 -
2009 7,763 0.16
2008 6,258 0.13
2007 5,592 0.12 -
2006 5,420 0.11 -