Bettona IGP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#cannaraigp


Il Bettona IGP comprende le seguenti tipologie di vino: Bianco, Rosso, Rosato, Novello Rosso e Novello Rosato. L’Indicazione include anche numerose specificazioni da vitigno.

Zona di produzione

La zona di produzione del Bettona IGP comprende l’intero territorio del comune di Bettona, in provincia di Perugia nella regione Umbria.

Uvaggio

I vini a Indicazione Geografica Protetta Bettona bianchi, rossi e rosati devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale, da uno o più vitigni idonei alla coltivazione nella regione Umbria.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Bettona IGP Bianco, da solo o con la specificazione da vitigno, ha un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli; al naso è delicatamente floreale e fruttato; al gusto è sapido, vivace, fresco, armonico. Può presentare anche la versione Frizzante.Il Bettona IGP Rosso, da solo o con la specificazione da vitigno, ha un colore rosso rubino vivace, più o meno intenso, tendente al granato con l’invecchiamento; al naso è fruttato, speziato quando sottoposto a invecchiamento; al gusto è pieno, morbido, armonico e piacevolmente amarognolo, delicatamente erbaceo e tannico.Il Bettona IGP Rosato, da solo o con la specificazione da vitigno, ha un colore rosa cerasuolo luminoso e intenso; al naso si presenta con sentori floreali e delicati richiami fruttati; al gusto è fragrante, sapido e con retrogusto gradevolmente amarognolo. Può presentare anche la versione Novello. Il Bettona IGP Novello Rosso, da solo o con la specificazione da vitigno, si presenta di colore rosso rubino vivace, più o meno intenso, tendente al granato con l’invecchiamento; il profumo è vinoso, delicato e gradevole, speziato quando sottoposto a invecchiamento; al palato è pieno, morbido, fruttato e piacevolmente amarognolo.

Specificazioni da vitigno

La IGP Bettona, con la specificazione di uno dei vitigni idonei alla coltivazione per la regione Umbria, è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale per almeno l’85% dal corrispondente vitigno. Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e dei vini sopra indicati, le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, idonee alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%. L’Indicazione Geografica Protetta Bettona con la specificazione di due vitigni è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale, dai corrispondenti vitigni, alla condizione che il vino derivi esclusivamente da uve prodotte dai due vitigni ai quali si vuole fare riferimento, che il quantitativo di uva prodotta da uno dei due vitigni sia comunque superiore al 15% del totale e che l’indicazione dei vitigni venga riportata in etichetta in ordine decrescente rispetto all’effettivo apporto delle uve da questi ottenute. I vini Bettona IGP con la specificazione del vitigno devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO