Asti DOP

Zona di produzione

CONDIVIDI SU

#astidocg


L’Asti DOP comprende le seguenti tipologie di vino: Asti o Asti Spumante, Asti o Asti Spumante Metodo Classico (metodo tradizionale), Moscato d’Asti, Moscato d’Asti Vendemmia Tardiva. La Denominazione include anche numerose specificazioni geografiche.

Zona di produzione

La zona di produzione dell’Asti DOP comprende il territorio di 53 comuni appartenenti alle province di Alessandria, Asti e Cuneo, nella regione Piemonte.

Uvaggio

Asti o Asti Spumante, Asti o Asti Spumante Metodo Classico, Moscato d’Asti, Moscato d’Asti Vendemmia Tardiva: Moscato Bianco 100%.

Descrizione tipologie di prodotto

L’Asti DOP Spumante ha un colore giallo paglierino chiaro con leggere note dorate e un perlage fine e persistente; al naso risulta caratteristico e delicato; in bocca il gusto, dall'extrasecco al dolce, è caratteristico e equilibrato. Il processo di lavorazione per la presa di spuma per il prodotto Asti DOP Spumante, da effettuarsi con il metodo della fermentazione naturale in autoclave (o metodo Martinotti), non può avere una durata inferiore a un mese, compreso il periodo di affinamento in bottiglia. L’Asti DOP Spumante Metodo Classico ha un colore giallo paglierino con sfumature dorate e un perlage fitto e sottile; al naso si riconoscono le note di mela, susina, crosta di pane, biscotto; al gusto è aromatico, caratteristico dell’uva con finale leggermente agrumato e una lunga persistenza. Il processo di lavorazione per la presa di spuma, per l’Asti DOP Spumante Metodo Classico (metodo tradizionale), da effettuarsi con il metodo della fermentazione naturale in bottiglia, deve essere di almeno 9 mesi. Il prodotto deve rimanere senza interruzione sulle fecce per il termine stabilito e successivamente separato mediante sboccatura. Il Moscato d’Asti DOP ha un colore giallo paglierino; il profumo è fragrante di mela, susina, timo e salvia; il sapore è dolce, aromatico, talvolta vivace, caratteristico dell’uva Moscato. Il Moscato d’Asti DOP Vendemmia Tardiva ha un colore giallo dorato; al naso è fruttato, molto intenso, caratteristico dell’uva appassita con note speziate; in bocca è dolce, armonico, vellutato con sentori di uva Moscato che ricorda il favo del miele. Il vino Moscato d’Asti Vendemmia Tardiva deve essere sottoposto a un periodo di affinamento di almeno un anno, calcolato a decorrere dal momento della preparazione.

Specificazioni geografiche o sottosezione

La denominazione può essere accompagnata da tre sottozone geografiche: Canelli prodotto in alcuni comuni delle province di Asti e Cuneo, Santa Vittoria d’Alba prodotto solo in un territorio comunale, Strevi prodotte in alcuni comuni della provincia di Alessandria.Tutte e tre le sottodenominazioni presentano la sola tipologia di vino Moscato d’Asti (anche Vendemmia Tardiva) con Moscato bianco 100%.Il colore è giallo paglierino; il profumo è fragrante di mela, susina, timo e salvia; il sapore è dolce, aromatico, talvolta vivace, caratteristico dell’uva Moscato.Il Moscato d’Asti DOP Santa Vittoria d’Alba e il Moscato d’Asti DOP Strevi nella tipologia Vendemmia Tardiva hanno un colore giallo dorato; al naso sono fruttati, molto intensi, caratteristici dell’uva appassita con note speziate; in bocca sono dolci, armonici, vellutati con sentori di uva Moscato che ricorda il miele.Il vino Moscato d’Asti DOP Vendemmia Tardiva deve essere sottoposto a un periodo di affinamento di almeno un anno, calcolato a decorrere dal momento della preparazione.

ORGANISMO DEI PRODUTTORI

ORGANISMO DI CONTROLLO