Senza categoria

  • 7 febbraio 2019

    Riccaboni e la ricchezza dell’agrifood

    Nuovi scenari per Siena che, facendo di necessità virtù, deve imboccare una strada originale. Partendo dai suoi punti forti. E' il messaggio del Forum sulle denominazioni geografiche tenutosi al Santa Maria della Scala il 4 e il 5 Febbraio 2019. «Bisogna lavorare e spingere sui settori dove ci sono competenze ed eccellenze. L'agrifood qui ha le sue basi e le espressioni più alte: Siena è la città del vivere bene e sano, con una reputazione internazionale che fa perno sullo stile le di vita, sull'agricoltura e le sue eccellenze». Parola di Angelo Riccaboni, presidente Fondazione Prima, promotore del Forum insieme a Fondazione Qualivita e Comune di Siena.   Fonte: LA NAZIONE SCARICA ARTICOLO COMPLETO
  • 6 febbraio 2019

    A maggio la vetrina dei giovani agricoltori

    Tutto da definire, ma il risultato della due giorni al Santa Maria della Scala non è da sottovalutare. Effetto di una riunione riservata, un colloquio a quattro, nelle stanze affrescate dell'antico Ospedale. Dopo l'intervento sul palco, il ministro Gian Marco Centinaio si è appartato con il sindaco De Mossi, con Mauro Rosati, regista dell'evento e direttore di Qualivita, e con Angelo Riccaboni, presidente della Fondazione Prima. Argomento, come rendere strutturale la vocazione all'agroalimentare e al turismo di Siena, coniugando cibo e arte, vino e architettura, gusto e bellezza. In una sorta di percorso plurisensoriale che è la nuova frontiera per attirare investitori e visitatori. Lo stesso ministro ha tenuto a rimarcare che «una percentuale sempre crescente di turisti sceglie l'Italia per i prodotti tipici e segue itinerari sia artistici che eno-gastronomici, uscendo dal solito tour Roma-Venezia-Firenze-Pompei». Siccome Siena è una tappa cruciale nella nuova mappa ...
  • 29 gennaio 2019

    Presentazione a Bolzano con McDonald’s, Qualivita e Consorzio Speck Alto Adige IGP

    McDonald's, Qualivita e Consorzio Speck Alto Adige IGP organizzano il giorno 29 gennaio 2019 alle ore 11 la Conferenza stampa presso il Ristorante di Piazza Parrocchia 4 a Bolzano per la presentazione del nuovo menu My Selection 2019  creato da Jo Bastianch con in prodotti DOP IGP italiani. Fra i panini scelti dallo chef americano anche Cicken che ha fra gli ingredienti  lo Speck Alto Adige IGP. Alla presentazione prenderanno parte Andrea Moser Presidente del Consorzio, Matthias Messner  direttore del Consorzio, Mauro Rosati direttore della Fondazione Qualivita e Mario Federico amministratore delgato di McDonald's Italia.
  • 7 gennaio 2019

    Culurgionis d’Ogliastra IGP, modifica disciplinare – GUUE C 3

    ITALIA - Pubblicazione del documento unico modificato a seguito della domanda di approvazione di una modifica minore ai sensi dell’articolo 53, paragrafo 2, secondo comma, del regolamento (UE) n. 1151/2012 Culurgionis d’Ogliastra IGP - Classe 2.5. Pasta alimentare Fonte: GUUE C 3 del 07/01/2019
  • 27 novembre 2018
  • 9 novembre 2018

    Grana Padano DOP e Fico festeggiano un anno insieme

    Grana Padano DOP  e Fico da dodici mesi insieme mostrano a centinaia di migliaia di appassionati del gusto e del Made in Italy agroalimentare come nasce ogni giorno il formaggio DOP più consumato nel mondo, con una produzione annua di oltre 4,9 milioni di forme, e lo fanno conoscere ed apprezzare sotto tutti gli aspetti, dalle caratteristiche nutrizionali ai gusti diversi tra le varie stagionature, dal 9 mesi sino ai sapori preziosi del Riserva stagionato più di 20 mesi. La Fabbrica Italiana Contadina di Bologna celebra dal 10 al 18 novembre il primo compleanno, insieme a tutti i partner che ogni giorno la animano. Come il Consorzio Tutela Grana Padano, che in un anno ha prodotto nel caseificio BO203 FICO 684 forme, due al giorno dal sabato al lunedì, lavorando 344 tonnellate di latte fresco di alta qualità sotto gli occhi dei visitatori che lo vedono così nascere. “In una società sempre più globalizzata, dominata da social network e televisione – spiega il ...
  • 5 novembre 2018

    Accredito Rapporto Ismea-Qualivita 2018

    Le ISCRIZIONI SONO CHIUSE per raggiunto limite di partecipanti.    
  • 29 ottobre 2018

    Il Consorzio olio Garda DOP, spinto dalle richieste dei produttori in occasione dell’ottima annata olivicola, ha chiesto al Ministero, in collaborazione con AIPO e AIPOL, una deroga temporanea sull’articolo 5 del disciplinare Garda DOP relativo alla produzione di olive ad ettaro. Un lavoro di squadra che ha fatto sì che l’annata 2018 abbia ottenuto il permesso per una produzione temporanea di 7500 kg di olive per ettaro, superiore di 1500 kg rispetto alla regola dei 6000 kg per ettaro in vigore per il disciplinare dell’olio Garda DOP. “È stato possibile raggiungere questo risultato – afferma il Presidente del Consorzio Laura Turri - grazie all’immediata disponibilità dei dirigenti e funzionari del Mipaaft delle Regioni Veneto, Lombardia e della Provincia di Trento che subito hanno compreso l'urgenza di ottenerla in tempi brevi dato che siamo in piena campagna di raccolta. È una stagione memorabile, sotto diversi punti di vista. La produzione 2018 è eccezionale ...
  • 29 ottobre 2018

    Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec cursus in justo quis condimentum. Proin vehicula dolor in consequat convallis. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Aenean ligula nisi, finibus a dignissim non, rutrum sed lectus. In imperdiet magna eu leo ullamcorper, nec ultrices dui feugiat. Pellentesque ultricies magna vel elit tempor lobortis. Duis laoreet quam justo, nec aliquam mi iaculis pellentesque. Nullam auctor ultrices ligula, ut condimentum est posuere gravida. Etiam blandit semper purus, nec sagittis risus molestie vitae. Phasellus nisi leo, volutpat non vulputate id, posuere nec dolor. Nunc maximus cursus erat ac placerat. Quisque bibendum dignissim arcu sed feugiat. Duis sed lorem quis dui euismod malesuada. Mauris et vestibulum velit. Vestibulum at massa vel eros mollis pulvinar. Vivamus at massa at velit pulvinar pellentesque. Integer et ligula ut ipsum aliquet aliquam quis vulputate nunc. ...
  • 9 ottobre 2018

    Grana Padano DOP: tutto iniziò all’Abbazia di Chiaravalle

    Situata all'interno del Parco Agricolo Sud Milano, l'abbazia di Chiaravalle è stata fondata nel 1135 da San Bernardo di Chiaravalle. Storicamente è il luogo dove i monaci cistercensi impararono a conservare il latte. Con l'aggiunta di caglio e sottoposto a salatura crearono il formaggio a pasta dura conosciuto oggi come Grana Padano DOP. Proprio nelle caldaie del monastero nacquero infatti i primi caseifici della storia e si formò una nuova figura professionale, quella del casaro. Per celebrare questa tradizione millenaria lungo il percorso marcite-fieno-bestiame-latte-formaggio - nell’ambito della Festa di Chiaravalle il 7 ottobre il Consorzio Tutela Grana Padano ha organizzato presso il mulino dell’abbazia il processo di caseificazione del “caseus vetus”. Il pubblico ha potuto così assistere alle differenti fasi di produzione: versamento del latte in caldaia, rottura della cagliata con lo spino, riposo sotto siero, estrazione e messa in fascera. «Il Grana Padano ...
  • 31 luglio 2018

    Mipaaft, nominato il comitato nazionale vini Dop e Igp

    È stato firmato lunedì 30 luglio 2018 dal Ministro Gian Marco Centinaio il decreto di nomina per il prossimo triennio del Comitato Nazionale vini DOP e IGP, un organo del Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo che ha la competenza consultiva e propositiva in materia di tutela e valorizzazione qualitativa e commerciale dei vini DOP e IGP, prodotti di eccellenza del nostro Paese. Rispetto al precedente Comitato Nazionale, la composizione è stata ampliata con un membro in rappresentanza dell’Ordine nazionale dei dottori agronomi e forestali. Il Comitato è così formato da: – Michele Zanardo, in qualità di Presidente – Michele Alessi, Marco La Rocca e Luca Lauro in rappresentanza del Mipaaf – Antonella Bosso, esperto in materie tecnico/scientifico/legislative attinenti al settore della viticoltura ed enologia – Luigi Moio, esperto in materie tecnico/scientifico/legislative attinenti al settore della viticoltura ed enologia – ...
  • 21 giugno 2018

    Parole-truffa anti Made in Italy

    L'ultima stima di Coldiretti fa salire a oltre 100 miliardi di euro il valore del falso Made in Italy agroalimentare nel mondo, con un aumento record del 7o% nel corso dell'ultimo decennio. I Paesi che falsificano di più i nostri prodotti alimentari non sono quelli poveri ma quelli più sviluppati. In testa ci sono gli Stati Uniti, ma anche all'interno della UE troviamo copie malfatte di Made in Italy. Lo stratagemma più diffuso è usare nella confezione del prodotto «truffa» parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che richiamano l'Italia: è il fenomeno dell'"Italian sounding" difficile da combattere a livello internazionale. E gli accordi bilaterali che l'UE stringe con i Paesi terzi si prestano a una doppia lettura: introducono riconoscimenti prima inesistenti ma non sempre sufficienti. Il Parmigiano La contraffazione del parmesan I prodotti più colpiti da contraffazione sono i formaggi con in testa il Parmigiano Reggiano DOP e il Grana Padano ...
  • 13 aprile 2018

    Osservatorio Settimanale Qualivita – 13.04.2017

    I 4 OSSERVATORI QUALIVITA MARKETING ECONOMICO LEGISLATIVO SISTEMA IG  
  • 27 marzo 2018

    Newsletter Qualivita 27/03/2018

    Temi principali: Chianti Classico DOP, Bardolino DOP, Asiago DOP, Asolo Prosecco DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Olica Ascolana del Piceno DOP, Marrone del Mugello IGP, Squacquerone di Romagna DOP, Mozzarella di Gioia del Colle DOP, Aicig, Ristorazione DOP IGP, TG1-Rai, Comunicazione Sistema IG, Normativa
  • 7 novembre 2017

    I produttori vitivinicoli USA chiedono più difesa delle Indicazioni Geografiche

    I produttori americani che hanno aderito alla #BergamoDeclaration mandano una lettera al Presidente Trump per difendere le Indicazioni Geografiche     Importante presa di posizione da parte delle organizzazioni dei produttori vitivinicoli americani che chiedono a Trump attraverso una lettera di difendere le indicazioni geografiche in risposta alla precedente lettera inviata dall’industria food Usa attraverso Consortium Common Food Name nel mese di ottobre che aveva fatto molto scalpore. “Come rappresentanti delle organizzazioni di produttori vitivinicoli di sette regioni del vino degli Stati Uniti d’America, crediamo che i nomi delle grandi regioni vinicole di tutto il mondo debbano essere protetti contro gli abusi di produttori esterni a tali regioni. Ci opponiamo pertanto alla richiesta che hai ricevuto il 3 ottobre 2017 da vari gruppi di alimenti e bevande per chiedere ai governi di Giappone e Messico di non proteggere le denominazioni geografiche ...
  • 11 ottobre 2017

    G7GI Conference – GIs Organizations International Meeting

    On the occasion of the G7 meeting of the Ministers of the Agricultural Policies (Agri-G7) that will be held on October 14th-15th 2017 in Bergamo, a side event - the "G7 - Geographical Indications Conference” – will also take place. Its main objective is to confirm the importance of the GIs sector within the international policy plan. Delegations of producers’ organizations of the G7 Countries are invited to have a seat at the meeting, to discuss in front of other invited delegations about important topics involving the GI products. Thanks to the presence at the Agri-G7 of international Ministers and decision makers in agricultural policy, as well as Members of the EU Parliament involved in promotion and protection of Geographical Indications, the GIs meeting will be an affirmation - in front of organizations, political representatives and international media gathered at Agri-G7 – of the economic, social and cultural values represented by the model of Appellations of ...