OQ-SISTEMA IG

Osservatorio Qualivita Sistema IG

  • 23 novembre 2018

    Marchi privati del food e il pericolo delle delocalizzazioni in Italia

    Editoriale di Mauro Rosati. In Italia il caso della chiusura della Pernigotti ha riaperto il dibattito su quali strumenti giuridici si possono attivare per trattenere le aziende a produrre nei territori di origine. Forse in questo caso se ci fosse stata la registrazione IGP del Gianduiotto Piemontese si sarebbe evitata la delocalizzazione. Il fatto che il gianduiotto sia incluso tra i prodotti agroalimentari tradizionali (P.A.T.) non è sufficiente a garantire il mantenimento della produzione sul territorio, come invece sarebbe stato con le registrazioni DOP e IGP, che vincolano rigidamente la produzione all'area indicata nel disciplinare. Anche il vicepremier Di Maio è intervenuto sulla questione annunciando una proposta di legge che lega i marchi italiani al territorio. Ma la questione è molto più ampia e complessa, frutto di un cambiamento dei consumi a livello mondiale che negli ultimi anni ha fatto aumentare le scelte per i prodotti alimentari con un'origine di ...
  • 22 novembre 2018

    Fondazione Qualivita a Pisa, per la “Giornata sul cibo italiano”

    Giovedì 22 novembre, a Pisa,  Mauro Rosati, direttore generale della Fondazione Qualivita, parteciperà alla  "Giornata sul cibo italiano" organizzata dal  Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell'Università di Pisa. L'intervento di Rosati sarà incentrato sulla presentazione dell'iniziativa relativa al Dizionario dei prodotti agroalimentari e  vitivinicoli italiani DOP IGP, nato dalla collaborazione fra la Fondazione Qualivita e Treccani Gusto. Alla giornata parteciperanno relatori  che tratteranno il tema del cibo italiano sotto profili disciplinari diversi (giuridici, economici, chimici, nutrizionali, culturali, agronomici, ecc.), alla presenza dei dottorandi del Dipartimento. La Facoltà di Agraria di Pisa, istituita definitivamente nel 1871, è la prima istituzione universitaria di studi agrari nel mondo. La sua storia appare segnata da continuità di orientamenti e prospettive, traendo dalla lezione del passato indicazioni per il futuro. Dal ...
  • 21 novembre 2018

    Grana Padano DOP, lezioni di sana alimentazione

    Diffondere i fondamenti della corretta alimentazione per puntare a stili di vita sani da parte dei consumatori. È il leit-motiv di una serie di iniziative avviate negli anni da Grana Padano DOP, Consorzio senza fini di lucro nato per tutelare e promuovere quello che è uno dei formaggi più noti nel mondo. Quindi non siamo di fronte a un produttore o a un'azienda che promuove un brand, bensì al marchio distintivo di un prodotto DOP (denominazione di origine protetta). Precisazioni che aiutano a comprendere meglio l'anima sociale, che tra le altre cose si estrinseca attraverso il programma "Educazione Nutrizionale Grana Padano", che ha come mission quattro obiettivi: contribuire a migliorare la salute dei cittadini di ogni età; divulgare i principi della corretta alimentazione e dell'attività fisica, come forma di prevenzione delle principali malattie; fornire alla classe medica informazioni e aggiornamenti sull'alimentazione; infine fornire a cittadini e pazienti strumenti ...
  • 16 novembre 2018

    Grana Padano DOP missione CINA

    Il Grana Padano, che con circa 5 milioni di forme prodotte è il formaggio DOP più consumato nel mondo, affascina i cultori del gusto e dell’alta cucina a Shangai, in una delle tappe più importanti tra le iniziative organizzate nell’ambito di EUPERTE, il progetto di promozione curato con il Consorzio del Prosciutto di Parma DOP e finanziato dall’Unione Europea per promuovere all’estero le eccellenze del Made in Italy alimentare. Dopo il successo raccolto nei tre giorni di FHC SALON, manifestazione tra le più importanti nel settore che ha richiamato nella metropoli cinese operatori da molti paesi asiatici e dove il Grana Padano DOP si è proposto in vari appuntamenti e cooking show tra informazione e degustazione,  il 16 novembre, il Grana Padano DOP con il Prosciutto di Parma DOP sarà il protagonista di una giornata dedicata agli specialisti del settore, che avrà come protagonista Raul Liu, nella sua qualità di Brand Ambassador in Cina dei due prodotti. Con le sue ...
  • 16 novembre 2018

    Promuovere l’agrifood, ecco 201,1 milioni da Bruxelles

    Via libera della Commissione europea al programma di lavoro 2019 per la promozione dell'agrifood UE, con uno stanziamento complessivo di 201,1 mln di euro. Il 14 novembre la Commissione europea ha adottato il programma di lavoro per il 2019 delle campagne di promozione, con una dotazione di 201,1 milioni di euro destinati a programmi selezionati per il cofinanziamento dell'UE con un aumento di 12,5 mln di euro rispetto al 2018. Gli inviti a presentare proposte per campagne specifiche saranno pubblicati nel mese di Gennaio 2019. I progetti potranno essere proposti da un'ampia gamma di organismi, come organizzazioni di categoria, organizzazioni di produttori e organismi dell'agroalimentare che si occupano di attività di promozione. Attenzione anche alle campagne che promuovono i diversi regimi di qualità e le etichette, comprese la Denominazione di Origine Protetta (DOP), l'Indicazione Geografica Protetta (IGP) e la Specialità Tradizionale Garantita (STG). Fonte: Italia ...
  • 15 novembre 2018

    Made in Italy agroalimentare e web: rinnovato l’accordo con eBay

    È stato siglato oggi dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo il protocollo d’intesa per la difesa del Made in Italy agroalimentare sul web, tra eBay , ICQRF (Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi), AICIG (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche)  e Federdoc  (Confederazione Nazionale dei Consorzi volontari per la tutela delle denominazioni dei vini italiani) L’accordo, della durata di due anni, ha come obiettivo quello di proteggere dalle contraffazioni sul sito web eBay le indicazioni geografiche italiane DOP e IGP, tutelare il made in Italy agroalimentare e vitivinicolo, e favorire la presenza nel mercato online dei prodotti italiani autentici e di qualità. L’intesa prevede anche una nuova collaborazione, tra Mipaaft, ICQRF ed eBay, per garantire la protezione dei consumatori online anche sotto il profilo delle corrette informazioni in etichetta di tutti prodotti agroalimentari in ...
  • 14 novembre 2018

    Nuovo presidente per il Consorzio del Radicchio Rosso di Treviso IGP e Radicchio Variegato di Castelfranco IGP

    Andrea Tosatto è il nuovo presidente del Consorzio di tutela del Radicchio Rosso di Treviso IGP e Radicchio Variegato di Castelfranco IGP. La carica è avvenuta in Consiglio di amministrazione la scorsa settimana dopo che l’assemblea, il 28 ottobre, aveva approvato il bilancio 2017/2018 e rinnovato il CdA. «Ho accettato con piacere l'incarico – dichiara il Presidente Tosatto - il Consorzio negli ultimi anni ha registrato un costante incremento di prodotto certificato sia per il Treviso che per il Castelfranco e quindi l’obiettivo è quello di continuare il lavoro svolto da chi mi ha preceduto (Paolo Manzan, presidente per 9 anni). Le modifiche ai disciplinari di produzione, la registrazione del marchio in alcuni paesi extra UE, l’informazione e la formazione dei soci, la promozione dell’area di produzione anche in chiave turistica, la passione per la qualità e la capacità di proporre anche prodotti aventi alto contenuto di servizio in aggiunta alla prima gamma, ...
  • 13 novembre 2018

    Toscana e Campania DOP e IGP si incontrano alla Reggia di Caserta

    Nasce l’alleanza del gusto tra i prodotti Dop e Igp sull’asse Campania-Toscana. I Consorzi di Tutela del Prosciutto Toscano Dop, del Pecorino Toscano Dop e della Finocchiona Igp incontrano la Mozzarella di Bufala Campana Dop per una full immersion tra i sapori di eccellenza di due territori a forte vocazione agroalimentare. L’evento è in programma il 13 novembre alle ore 11 nella sede del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP, all’interno della Reggia di Caserta, con ingresso da via Gasparri 1. L’appuntamento prevede un percorso guidato per conoscere ogni aspetto produttivo e le caratteristiche nutrizionali dei quattro prodotti a denominazione di origine. A curare la Master Class saranno direttamente i direttori dei Consorzi di Tutela: Andrea Righini (Pecorino Toscano Dop), Emore Magni (Prosciutto Toscano Dop), Francesco Seghi (Finocchiona Igp) e Pier Maria Saccani (Mozzarella di Bufala Campana Dop). Si scoprirà non solo come utilizzare al meglio ...
  • 12 novembre 2018

    II gianduiotto con marchio IGP poteva salvare la fabbrica di Novi Ligure di Pernigotti

    La registrazione a marchio lGP (Indicazione geografica protetta) dei gianduiotto poteva salvare l'azienda dolciaria Pernigotti ed evitare la chiusura dello storico stabilimento di Novi Ligure. Lo sostiene Qualivita, fondazione per la protezione e la valorizzazione dei prodotti DOP, IGP, STG:  "I se non cambiano i fatti, ma se i gianduiotti fossero stati registrati come indicazione geografica, forse oggi la situazione sarebbe molto diversa. Il fatto che il gianduiotto sia incluso tra i prodotti agroalimentari tradizionali (P.a.t.) piemontesi non è sufficiente a garantire il mantenimento della produzione sul territorio, come invece sarebbe stato con le registrazioni Dop e lgp, che vincolano rigidamente la produzione all'area indicata nel disciplinare". Qualivita fa l'esempio del Cioccolato di Modica, dove invece i produttori locali si sono battuti per la registrazione lGP e l'hanno ottenuta la scorsa estate. "Adesso - notano da Qualivita - il Cioccolato di Modica è lGP e ...
  • 9 novembre 2018

    L’indicazione geografica poteva salvare la Pernigotti

    La registrazione IGP del Gianduiotto Piemontese avrebbe potuto frenare la delocalizzazione: i se non cambiano i fatti, ma se i gianduiotti fossero stati registrati come indicazione geografica,  forse oggi la situazione sarebbe molto diversa. Il fatto che il gianduiotto sia incluso tra i prodotti agroalimentari tradizionali (P.A.T.) piemontesi non è sufficiente a garantire il mantenimento della produzione sul territorio, come invece sarebbe stato con le registrazioni DOP e  IGP, che vincolano rigidamente la produzione all’area indicata nel disciplinare. “Penso come esempio a Modica, dove da tempo avevano capito l’importanza della registrazione - afferma Mauro Rosati direttore generale della Fondazione  Qualivita – I produttori e le istituzioni locali si sono battuti per anni per ottenere l’IGP del Cioccolato e finalmente l’hanno ottenuta. Adesso il Cioccolato di Modica è IGP e  potrà essere prodotto solo nel comune di Modica, in provincia di Ragusa. Questo ...
  • 6 novembre 2018

    Grana Padano DOP sa mettere d’accordo gusto e benessere

    Ricette, materie prime e abbinamenti: la cucina per noi italiani è una vera passione, e che altro aspettarsi dal Paese della dieta mediterranea, dove trionfano programmi e contest per aspiranti chef? Mettersi a tavola, del resto, è un piacere, ma oggi c'è anche un altro aspetto che suscita il nostro interesse: da ciò che mettiamo nel piatto - o da ciò che "non" ci mettiamo - dipende, infatti, in larga misura il nostro benessere. Intolleranza al lattosio o al glutine, ipercolesterolemia, ipertensione. Fare la spesa sembra essere diventato un lavoro di sottrazione, ma in realtà c'è un alimento che non dovrebbe mancare nel nostro frigo, un jolly dalle infinite virtù: il Grana Padano DOP. Tra i must del made in Italy il Grana Padano DOP è un vero e proprio pezzo di storia: le sue origini risalgono al lontano 1135, quando fu creato dai monaci dell'abbazia di Chiaravalle, a pochi chilometri da Milano. Le sue proprietà, però, lo rendono estremamente "moderno", perchè si sposa ...
  • 5 novembre 2018

    Prodotti DOP IGP sempre più gettonati

    I prodotti alimentari made in Italy sono quelli più gettonati dagli italiani: le indicazioni geografiche, le  DOP IGP sono poi delle eccellenze apprezzate non solo nella nostra penisola, ma in tanti altri Paesi del mondo, come dimostrano i dati relativi all'export. Sono le evidenze emerse dalla ricerca Nielsen Global Survey of Brand-Origin, condotta intervistando oltre 30.000 utenti internet in 61 Paesi nel mondo, tra cui l'Italia. In crescita i salumi DOP Piacentini, la coppa, il salame e la pancetta. Il Salame Piacentino DOP ha registrato una produzione di 1.566.420 pezzi, la Pancetta  Piacentina DOP 141.289 pezzi la Coppa Piacentina DOP 448.052 pezzi. Il totale dei salumi DOP piacentini prodotti è  stato di 2.155.761 pezzi per un valore di circa 30 milioni di euro.  Antonio Crossetti, presidente dei Consorzio salumi DOP Piacentini ha sottolineato che è stato l'ennesimo  anno in cui le produzioni non solo hanno tenuto, ma hanno evidenziato anche un discreto aumento. ...
  • 5 novembre 2018

    Cioccolato di Modica IGP, approvato Piano Controllo CSQA

    A pochi giorni dall'entrata in vigore del marchio IGP per il Cioccolato di Modica, che sarà il 6 novembre, il CSQA, organismo per le certificazioni, è stato autorizzato a compiere le funzioni di controllo previste dal regolamento disposto dall'unione europea, dal ministero per le politiche agricole alimentari, con decreto del 31 ottobre 2018. Con il provvedimento vengono approvati sia il piano dei controlli, che il tariffario relativi alla denominazione Cioccolato di Modica IGP, presentati da CSQA. L'ente sarà obbligato a comunicare semestralmente in forma telematica, le quantità di prodotto certificate, sia al dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari ICQRF, del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, sia alla regione competente per territorio. Dunque a partire dal 5 novembre, le imprese produttrici di cioccolato di Modica che intendono assoggettarsi al regime di ...
  • 31 ottobre 2018

    Nel registro delle IG dell’UE entra a far parte la Lucanica di Picerno IGP

    La notizia arriva direttamente da Bruxelles: la salsiccia Lucanica di Picerno è ufficialmente iscritta nel Registro comunitario delle Denominazioni e Indicazioni geografiche protette. Lo rende noto la Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea e sarà applicabile in tutti gli Stati membri a partire dal prossimo 18 novembre. La lucanica, è il primo prodotto registrato appartennente alla classe 1.2, "Prodotti a base di carne" che ha ottenuto l'indicazione geografica protetta riservata al prodotto di salumeria, concepita, come si evince dal documento di Fondazione Qualivita «con i tagli di carne di maiale di spalla disossata e snervata, collo, sottospalla, pancetta, punta di filetto e triti di prosciutto, con l'aggiunta di sale peperoncino dolce o piccante semi di finocchio selvatico e pepe nero. La zona di produzione della Lucanica di Picerno IGP ricade nei territori di Picerno, Tito, Satriano di Lucania, Savoia di Lucania, Vietri di Potenza, Sant'Angelo le Fratte, Brienza, ...
  • 31 ottobre 2018

    Aicig fa il punto sugli accordi commerciali a protezione delle DOP

    La protezione delle denominazioni DOP Asiago, Grana Padano, Parmigiano Reggiano e Pecorino Romano nel contesto degli accordi commerciali di libero scambio come garanzia dei consumatori e salvaguardia dei produttori: questo il tema affrontato ieri pomeriggio nella conferenza stampa organizzata da AICIG per fare il punto sulle azioni dei Consorzi di Tutela per il Made in Italy. Un incontro che ha visto quindi protagoniste quattro delle principali realtà consortili legate al settore caseario, oltre al Segretario Generale di AICIG Leo Bertozzi infatti vi hanno preso parte il Presidente del Consorzio dell’Asiago Fiorenzo Rigoni, il Direttore del Consorzio Parmigiano Reggiano Riccardo Deserti e il Responsabile del Consorzio del Pecorino Romano Giovanni Galistu. “Nel contesto dei mercati internazionali – ha spiegato il Segretario Generale di AICIG Leo Bertozzi -  i Consorzi di tutela italiani riuniti in Aicig e nella rete internazionale Origin, fanno fronte comune sulla tutela ...
  • 30 ottobre 2018

    IGP per la Lucanica di Picerno

    La Basilicata ha ufficialmente oggi, il diciassettesimo prodotto a marchio, con la pubblicazione della registrazione della Lucania di Picerno IGP. “Una attesa lunga 10 anni – afferma Luca Braia, assessore regionale all’Agricoltura – accompagnata costantemente dalla relazione storico-scientifica del prof. Ettore Bove dell’Unibas e che, grazie anche al lavoro degli uffici del Dipartimento Agricoltura, vede concludersi positivamente l’iter dell’ottenimento dell’indicazione geografica protetta (Igp) per la Lucanica di Picerno, commercializzata con il marchio del riconoscimento europeo di qualità attribuito sia per i luoghi che alle tecniche di produzione, che sono la peculiarità che ne caratterizza gusto e tradizione. Con un valore economico attuale di circa 7,3 milioni di euro, la produzione di salumi proviene dall’area di produzione che comprende i 14 Comuni di Picerno, Tito, Satriano di Lucania, Savoia di Lucania, Vietri di Potenza, Sant’Angelo Le Fratte, ...