Articoli Stampa

  • 21 Marzo 2013

    Un gioiello della salumeria protetto dal marchio Dop

    Corriere Adriatico Il Consorzio di Tutela del Culatello di Zibello nasce l' 8 gennaio 2009 per difendere e promuovere la qualità e la tipicità del Culatello di Zibello DOP (Denominazione d'Origine Protetta): un vero gioiello della salumeria italiana, di cui ogni giorno i produttori si impegnano a garantirne la provenienza dalla fascia di terra (Busseto, Polesine Parmense, Zibello, Soragna, Roccabianca, San Secondo, Sissa, Colorno) che corre lungo le rive del Po, nonché la lavorazione antica e l'autentica tradizione.Il Consorzio associa tutte le 21 aziende produttrici di Culatello di ...
  • 20 Marzo 2013

    Mela fuji

    Cucina Moderna E' una varietà di mela riconoscibile per la forma tondeggiante di dimensioni medio grandi con buccia rossastra screziata di giallo-verde.Originaria dal Giappone, dove è stata selezionata negli ultimi anni trenta da un incrocio tra le mele Ralls Janet e Red Delicius, è la varietà più coltivata al amondo.In Italia è ala terzo posto dopo la golden in assoluto la più diffusa. Tra le mele prodotte nel nostro paese la fuji è l'ultima ad essere raccolta (in novembre) a più riprese dopo aver raggiunto una colorazione ottimale. Rimane poi sul mercato fino a maggio mantenendo ...
  • 20 Marzo 2013

    Dopo l’Uiv, ecco l’osservatorio di Nomisma

    Italia Oggi Fioriscono osservatori sul mercato vinicolo. Per capire come stanno cambiando gli scenari globali anche Nomisma lancia un suo osservatorio, dopo quello varato scorsa settimana dall'Unione italiana vini (si veda ItaliaOggi del 13 marzo 2013). Si chiama WineMonitor e avrà un sito dedicato (www. winemonitor it) su cui buyer, importatori e opinion leader potranno consultare dati, forniti anche da enti specializzati nel fotografare le tendenze di mercato. Come Demetra, Borsa Merci Telematica italiana e Symphony IRI. Quest'ultima è partner anche del neonato osservatorio Uiv. Il lancio dell'Osservatorio Nomisma è previsto per il 3 aprile 2013. L'esigenza del resto c'è. Si pensi che, a fronte di una crescita dell'import. in Cina di vini in bottiglia passata in 10 anni da 9 a 1.376 min di dollari,
  • 20 Marzo 2013

    Prosciutto toscano Dop, annata d’oro per le vendite

    Sole 24 Ore - Agrisole Non sente crisi una delle Dop storiche della Toscana. Il Prosciutto Toscano DOP infatti anche nel 2012 ha chiuso col segno più affermandosi così come uno dei prodotti made in Italy più ricercati. Oltre 330mila cosce, per un valore al consumo che ha sfiorato i 60 milioni con una quota export che di anno in anno fa registrare numeri importanti di crescita. A trainare il mercato è stato soprattutto l'affettato: i preconfezionati hanno continuato il loro trend di crescita facendo registrare nel 2012 un +4,6% con un produzione di vaschette che ha superato per la prima volta i 2,7 milioni di pezzi. Dei numeri è soddisfatto anche il neo presidente del Consorzio di tutela, Cristiano Ludovici, che annuncia nuove sfide anche per il 2013. «Non posso che essere orgoglioso di questo incarico - spiega - e per questo mi impegnerò molto
  • 20 Marzo 2013

    Un protocollo d’intesa con Pechino per garantire l’extravergine italiano

    Agrisole E' stato siglato nei giorni scorsi un protocollo d'intesa tra il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e l'Aqsiq (Amministrazione generale per la supervisione della qualità l'ispezione e la quarantena) della Repubblica Popolare Cinese sui controlli di qualità dell'olio d'oliva. La sigla del protocollo d'intesa giunge dopo che a gennaio dello scorso anno Pechino decise di mettere "sotto osservazione" le spedizioni di olio. Nonostante i freni le vendite made in Italy sono cresciute del 23% d'oliva dall'Italia di fatto bloccando l'import di made in Italy. La decisione - lo ricordiamo - intervenne dopo che la Coldiretti aveva denunciato in una propria indagine che 4 bottiglie di olio su 5 dietro il brand italiano di fatto non contenevano esclusivamente olio made in Italy ma miscele di olio di diversa origine. 
  • 20 Marzo 2013

    Gorgonzola alla conquista della Francia

    La Stampa Il Gorgonzola DOP made in Piemonte, con l'Asiago DOP, la Mozzarella di Bufala Campana DOP e il Parmigiano Reggiano DOP, alla conquista della Francia. I quattro prodotti italiani fanno parte di una campagna di promozione, denominata «Fromages d'Italie». Dopo la prima tappa al Festival Omnivore di Parigi, l'appuntamento più atteso è a Le Grand Marché di Bourg-en-Bresse, vicino a Lione, sabato e domenica (23 e 24) dove l'Italia sarà ospite d'onore. I Consorzi rappresentano il made in Italy dei formaggi in questo progetto finalizzato all'alta ristorazione francese, con gli chef provenienti da 13 Paesi. Quasi una sfida ai «cugini» d'Oltralpe che vantano una blasonata tradizione nella secolare attività casearia. Al festival di Bourg-en-Bresse i prodotti italiani sono protagonisti in tavola durante un concorso in cui un «team» formato da un cuoco,
  • 20 Marzo 2013

    La Val di Bisenzio scommette sulla patata DOP

    Tirreno Prato La patata come prodotto di eccellenza nelle coltivazioni dell' alta Vabisenzio, un progetto che ha origini lontane, se ne parla da diversi anni, ma che potrebbe diventare una realtà. Secondo un sondaggio realizzato dall'Unione dei Comuni sul territorio valbisentino la produzione più importante è legata alla varietà Kennebec sia per la sua adattabilità al clima sia per la sua versatilità di utilizzo in campo culinario (è la base dei famosi tortelli). Sempre secondo l'indagine - i dati verranno presentati allo Chalet di Montepiano il 22 Marzo durante il convegno "La coltivazione della patata nella val di Bisenzio"la principale fonte di danno riscontrata è stata quella da fauna selvatica che ha portato una perdita del prodotto in media del 48%. La rilevazione - ha spiegato il presidente dell' Unione dei Comuni Marco Ciani-
  • 20 Marzo 2013

    Mela Alto Adige Igp

    Wellness Indicazione geografica protetta: il riconoscimento di una qualità garantita. Tutti coloro che le assaggiano sono d'accordo: le Mele Alto Adige IGP hanno un sapore unico. Anche dall'Unione Europea le particolari caratteristiche di queste mele hanno ricevuto il massimo riconoscimento. Sono commercializzate con i marchi Marlene e Val Venosta e sono state premiate con il prestigioso marchio di qualità europea «lGP».Queste mele rientrano quindi nell'indicazione Geografica Protetta che significa origine garantita, originalità nella coltivazione e massima qual tà dei prodotti. Consorzio Mela Alto Adige, il garante del buon sapore. Della qualità delle Mele Alto Adige IGP ci si può fidare. La garantisce da sempre il Consorzio Mela Alto Adige, che unisce ca. 8.000 aziende agricole a gestione familiare che effettuano
  • 20 Marzo 2013

    II Prosecco Docg fa Primavera

    L'Azione Finisce l'inverno, cambia il clima, arriva la Primavera del Prosecco. Prende il via in questo week-end a Santo Stefano di Valdobbiadene il primo dei 15 appuntamenti della 34a edizione della manifestazione mirata a far conoscere e valorizzare l'enologia trevigiana, che propone prodotti di elevata qualità come sono i vini dell'Alta Marca quali il Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG, Valdobbiadene Prosecco Superiore nelle tipologie Dry, Extra-Dry e Brut oltre a Cartizze, il Vin Santo del Prete di San Pietro di Barbozza, il Verdiso, il Colli di Conegliano, il Torchiato di Fregona e il Refrontolo Passito DOP Marzemino. La rassegna toccherà alcuni tra i più suggestivi paesi e borghi della Pedemontana trevigiana per concludersi in giugno a Serravalle di Vittorio Veneto. La promozione dei migliori prodotti vinicoli locali sarà abbinata alla proposta dei piatti tipici locali,
  • 20 Marzo 2013

    Parmigiano reggiano, vincolo di zona

    Sole 24 Ore - Agrisole «L'ultimo atto di un percorso durato nove anni e teso a irrobustire la conoscenza del nostro prodotto presso il consumatore». Così Giuseppe Alai, presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP, commenta l'entrata in vigore l'1 marzo 2013 dell'obbligo di confezionamento in zona di produzione. In base a questa misura, tutte le operazioni di taglio e confezionamento del formaggio grattugiato e in porzioni, con e senza crosta, devono essere effettuate esclusivamente all'interno della zona di origine, al fine di garantire la qualità, la tracciabilità e il controllo. Con la sua entrata in vigore si completa l'applicazione della rosa di riforme previste dalla modifica al disciplinare di produzione del Parmigiano reggiano. «Si tratta di una misura di straordinaria importanza - continua Alai - che potenzia la tutela del consumatore,
  • 20 Marzo 2013

    L’asparago oltre i confini

    Gazzettino di Vicenza - Giornale di Vicenza Promuovere l'asparago bianco di Bassano DOP oltre i confini locali per rilanciare l'immagine del territorio dal punto di vista gastronomico-turistico. Un obiettivo per il quale il Gruppo ristoratori bassanesi di Confcommercio intende investire risorse ed energie, motivo per cui fa appello alle realtà locali impegnate nella promozione affinchè facciano squadra attorno al prodotto. La volontà di stringere alleanze e di rafforzare la collaborazione sotto le insegne del saporito ortaggio è stata ribadita ieri in occasione dell'avvio ufficiale della ...
  • 19 Marzo 2013

    La via per rilanciare il grana

    Voce di Mantova Credem incontra le imprese del settore agro-alimentare delle province di Mantova e Cremona nel convegno "Quale futuro per il mercato del Grana Padano DOP e Parmigiano Reggiano DOP?". Il summit per parlare di scelte e incentivi per i giovani imprenditori che vogliono investire nel settore e di prospettive e opportunità offerte dai mercati di sbocco del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano. L'incontro, organizzato con il patrocinio di Cia Mantova e Confagricoltura Mantova, si terrà giovedì prossimo, ore 10, nella Sala Convegni del Mamu center, largo Pradella 1/b aMan tova. La giornata avrà inizio con l'intervento di Matteo Benetti, capo mercato Credem per il Nord Ovest, che introdurrà i relatori ed i temi trattati. A seguire Renato Pieri, direttore dell'Alta Scuola in Management ed Economia Agro-Alimentare dell'Università Cattolica, si soffermerà sugli aspetti principali del mercato agro-alimentare,
  • 19 Marzo 2013

    Master su come comunicare le eccellenze agroalimentari umbre

    Giornale dell'Umbria Come creare una sinergia virtuosa per promuovere i prodotti Dop. Diciassette studenti del Master in "Esperto in marketing e promo-commercializzazione dei prodotti agroalimentari umbri", organizzato da Sistemi Formativi Confindustria Umbria in collaborazione con Università dei sapori, hanno avuto l'opportunità di confrontarsi con i rappresentanti di due consorzi che hanno una antica tradizione - il Consorzio Grana Padano DOP e dì quello del Prosciutto San Daniele DOP - per una lezione su come valorizzare i prodotti Dop utilizzando canali di promozione non convenz...
  • 19 Marzo 2013

    Dal latte bufalino alla mozzarella Regione garante della tracciabilità

    Il Mattino - Napoli Nasce il tavolo tecnico per la filiera bufalina. Più volte sollecitato dagli addetti ai lavori l'iniziativa ha preso corpo ieri durante l'incontro tra Daniela Nugnes, consigliere del presidente Caldoro per l'Agricoltura, e i rappresentanti regionali di Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Confartigianato, Cna e Confindustria. Dopo un ampio confronto, sviluppatosi in diverse riunioni tematiche, sono state condivise una serie di proposte su aspetti ritenuti fondamentali da Regione e forze sociali. In primo luogo è stato stabilito che la tracciabilità interessi sia la produzione di latte che quella della mozzarella e che la Regione possa offrirsi quale gestore dellaprocedura per tutto il territorio nazionale, forte della piattaforma informatica in parte già disponibile presso l'Orsa
  • 19 Marzo 2013

    Il Veneto e i prodotti Dop e Igp: un tesoro da proteggere

    Corriere delle Alpi Il Veneto conta 17 prodotti agroalimentari a marchio Dop (Denominazione di origine protetta), un riconoscimento attribuito a quelle delizie la cui origine, trasformazione ed elaborazione è riconducibile a un luogo determinato e le cui caratteristiche sono dovute esclusivamente a quello stesso ambiente geografico e umano. A questi vanno aggiunti 18 Igp (Indicazione geografica protetta). Ogni provincia vanta le proprie peculiarità: lustro dei territori di Padova, Vicenza e Verona è, ad esempio, il Prosciutto Veneto Berico-Euganeo DOP che col suo profumo, la sua morbidezza e il suo sapore dolce si presta a preparazioni gastronomiche di altissimo livello. Nel vicentino i migliori tagli del maiale vengono invece lavorati per realizzare la Sopressa Vicentina DOP. C'è poi l'olio, nel Garda, nella Valpolicella,
  • 19 Marzo 2013

    L’Aceto Balsamico torna al palazzo ducale

    Prima Pagina 4 maggio 1860 Vittorio Emanuele II, in visita ufficiale, salutava dal balcone del Palazzo Ducale il popolo modenese. Il sovrano rimase molto colpito dall' Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP trovato nei sottotetti del Palazzo, tanto da ordinare il trasferimento in Piemonte, nel regio castello di Moncalieri, delle ultime botti della famosa acetaia del Duca, residuo dei 36 barili custoditi nel terzo torrione del palazzo ducale verso S. Domenico, come citano antichi testi. Di quelle botti non si ebbe più notizia. Oggi, dopo 153 anni, una batteria di Aceto Balsamico Tradizionale della Consorteria di Spilamberto sarà ricollocata nell'antica dimora estense, nello stesso torrione settentrionale del palazzo: un primo passo simbolico verso il ripristino dell'antica acetaia ducale.L'iniziativa è resa possibile dalla collaborazione