Articoli Stampa

  • 15 Novembre 2019

    Parte Agrifood Next: Siena capitale dell’innovazione sostenbile

    Prende il via Agrifood Next, due giorni al Santa Maria della Scala, De Castro: "Si guarda al futuro". Trenta imprenditori da stamani presentano le migliori soluzioni e le loro esperienze di innovazione sostenibile. "Innovazione e miglioramento genetico sono i cardini della ricerca nel settore agroalimentare che l'Unione Europea sostiene e incentiva con risorse finanziarie mirate, a partire da quelle stanziate attraverso la Politica agricola comune". Parola di Paolo De Castro, coordinatore S&D della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale al Parlamento europeo che da oggi sarà protago...
  • 15 Novembre 2019

    Agrifood Next: la forza delle DOP

    Al Santa Maria della Scala via alla due giorni sull'innovazione in agricoltura. Spazio anche per i più piccoli con Agricircus. Si apre stamani Agrifood Next, al Santa Maria della Scala. Due giorni di incontri, esperienze a confronto e tavole rotonde per tracciare insieme il futuro del settore agroalimentare. Dopo i saluti istituzionali, con il sindaco Luigi De Mossi, il rettore dell'Università Francesco Frati, Fulvio Esposito del Miur, il presidente della Provincia Silvio Franceschelli e il presidente della Fondazione Mps Carlo Rossi, parlerà Paolo De Castro, della Commissione agricoltura ...
  • 12 Novembre 2019

    La Patata di Bologna DOP totalmente rintracciabile

    Anche la Patata di Bologna DOP chiude il cerchio della rintracciabilità, il tutto a favore del consumatore. Il 6 novembre 2019 è stato presentato il progetto "Coltivatori di Valori": tramite un QR Code, si risale allo specifico produttore e al campo in cui la patata è stata coltivata. "Su ogni sacchetto di Patata di Bologna DOP – ha spiegato il presidente Davide Martelli - è possibile trovare un QR Code e un Codice di Rintracciabilità. Inquadrando il QR Code con il proprio smartphone oppure accedendo al sito, verrà richiesto di inserire il Codice di Rintracciabilità". Dopo ...
  • 12 Novembre 2019

    Il Ragusano DOP incontra altri formaggi del territorio siculo

    Proseguono gli itinerari con i treni storici del gusto nel Val di Noto. Domenica 10 novembre, da Siracusa a Ragusa viaggerà il Treno dei formaggi ragusani. I Treni storici del gusto sono promossi dall’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo: il programma è realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020. Composto da locomotiva diesel in livrea d’epoca e carrozze centoporte, il treno partirà da Siracusa alle 9. Fermate a Noto (9.32), Ispica ...
  • 9 Novembre 2019

    Agrifood Next: I’innovazione scende in campo

    «Siena è diventata un'icona mondiale dello sviluppo sostenibile. Lo abbiamo visto anche nel corso dell'assemblea generale dell'Onu sui cambiamenti climatici. Gli affreschi del ciclo del Buongoverno sono una sorta di Agenda del 1338, simile a quella dell'Onu del 2030. Il circuito virtuoso tra città e campagna, l'acqua pulita, la lotta alla povertà, la salute, le opere pubbliche, sono tutti obiettivi contenuti in quei capolavori. E oggi l'Agrifood è visto come un motore di sviluppo importante per raggiungere i 17 traguardi fissati dalle Nazioni Unite». Il professor Angelo Riccaboni, ...
  • 7 Novembre 2019

    Cambio della DOC, si rallenta “A rischio per il 2020”

    Mentre il Merano wine festival sta per accendere i motori (da domani a martedì alla Kurhaus), il mondo del vino altoatesino è sulle spine: il cambio del disciplinare della Doc Alto Adige, che comprende anche le Menzioni geografiche aggiuntive (Mga) e che è stato approvato alcuni mesi fa in seno al Consorzio vini Alto Adige, sta subendo dei rallentamenti, che preoccupano non poco il comparto, nell'iter di approvazione e presentazione al Ministero di competenza a Roma che poi dovrebbe darne il via libera. Il mondo del vino sudtirolese ha infatti approvato la riduzione delle rese vinicole ...
  • 7 Novembre 2019

    Ue-Cina Intesa sulla tutela di 100 Dop, 26 sono italiane

    BRUXELLES -  L'Italia, con 26 prodotti, è il primo beneficiario dell'accordo concluso dalla Commissione europea con la Cina, in base al quale Pechino riconosce cento alimenti e bevande Dop e Igp, e altrettanto fa l'Ue con cento specialità della Repubblica Popolare. Un'intesa che tutela contro tutti gli usi indebiti, anche su Internet. Nell'elenco ci sono le eccellenze nazionali nei vini e nei formaggi, dal Barolo alla mozzarella di Bufala Campana, nei salumi, come i prosciutti di Parma e San Daniele, ma anche la grappa e l'Aceto balsamico di Modena. Per le denominazioni Feta, Asiago e ...
  • 6 Novembre 2019

    Allarme per il Miele della Lunigiana DOP: poca produzione

    In Regione Toscana presentata un'interrogazione per capire come tutelare i produttori di Miele della Lunigiana DOP  dalla concorrenza di strane miscele vendute a prezzi stracciati. Ormai siamo in autunno inoltrato e anche gli apicoltori della Lunigiana, la prima zona in Italia ad avere ottenuto la DOP per miele di castagno e di acacia, stanno tirando le conclusioni sull'andamento della stagione di raccolta e produzione del miele appena conclusa. E i cui risultati, per quanto riguarda la quantità, a causa degli avvenimenti climatici non sono stati minimamente positivi. Le continue piogge nel ...
  • 6 Novembre 2019

    Uva di Mazzarrone IGP invenduta: i produttori chiedono sgravi fiscali

    Cronaca di una pesante crisi economica annunciata: uve invendute o sottopagate ai produttori, pressione fiscale elevatissima, immissione nei mercati di uve estere e, manco a dirlo , i costi di energia , carburante agricolo e manodopera , che incidono sui bilanci aziendali. I produttori che fanno capo al Consorzio uva da tavola IGP di Mazzarrone , che aggrega Chiaramonte Gulfi , Comiso, Licodia Eubea , Caltagirone (Granieri), sono esasperati, perché le aziende sono a reddito zero e, per riflesso, l'indotto con tutti gli operatori economici che ruotano attorno al comparto: manodopera, autotr...
  • 6 Novembre 2019

    Il Friuli terra di mozzarelle. Ma il Montasio DOP non sfonda

    È terra di mozzarelle e stracchino. Il 60% del latte lavorato ogni anno, infatti, si trasforma in questi due prodotti freschi. Il Montasio DOP, invece, sulla quale da anni si provano a investire energie e risorse per farla conoscere di più in Italia e aumentare l'export, rappresenta solo il 16% del totale, dietro anche al classico formaggio latteria (17% del latte lavorato). Yogurt, caciotte e ricotta sono marginali, con appena l'l% della produzione complessiva. I dati, piuttosto sorprendenti (pochi avrebbero scommesso che, come in Campania, il prodotto di punta fosse la mozzarella) sono ...
  • 6 Novembre 2019

    Patata del Fucino IGP, raccolta record: 290 mila quintali sui mercati

    Produzione record per la Patata del Fucino IGP: oltre 290 mila i quintali certificati raccolti in questa stagione. Un altro successo, quindi, per il Consorzio di tutela della Patata del Fucino IGP che punta ad allargare il raggio d`azione coinvolgendo altri produttori. Nei prossimi giorni, intanto, la pata Igp fucense sarà protagonista della trasmissione di LA7 "L`ingrediente perfetto". Sono oltre 200 i produttori pataticoli che hanno deciso di lavorare solo tuberi certificati per il 2019. «Nel corso del consiglio del Consorzio che si è riunito nei giorni scorsi», ha commentato Mario ...
  • 6 Novembre 2019

    Vitelloni Piemontesi della Coscia: presto in etichetta l`IGP

    Via libera del Ministero delle Politiche Agricole al piano dei controlli per i Vitelloni Piemontesi della Coscia IGP, ultimo atto formale che consentirà a brevissimo l'utilizzo del marchio IGP sull'etichetta dei pregiati tagli di carne bovina di razza Piemontese. Si porta cosi a compimento l'iter di riconoscimento IGP iniziato nel 2009 e ottenuto a livello comunitario nel dicembre 2016 a tutela di un patrimonio unico, storicamente legato al nostro territorio. Tra alcuni mesi i consumatori potranno trovare il marchio IGP sulle carni di bovini maschi e femmine di razza Piemontese, di età ...
  • 11 Ottobre 2019

    Consorzio Grana Padano DOP: azioni su controlli, promozione e comunicazione

    A Bologna, in occasione di «Identità d'Origine», è stata marchiata «Riserva» la prima forma prodotta a FICO. Scoprire da vicino come si produce il Grana Padano DOP, come in uno dei 128 caseifici che fanno parte del Consorzio di Tutela. È quello che è stato possibile, dal 30 agosto all'1 settembre, in occasione di «Identità d'Origine», l'evento dedicato ai prodotti alimentari a certificazione garantita (DOP, IGP e STG) che si è svolto a FICO, la Fabbrica Italiana Contadina di Bologna e organizzato con Fondazione Qualivita, Regione Emilia Romagna e Origin Italia. DOP e IGP sono i ...
  • 10 Ottobre 2019

    Il Consorzio del Radicchio punta sul turismo

    Il Consorzio del Radicchio Rosso di Treviso IGP e Radicchio Variegato di Castelfranco IGP guarda al futuro delle varietà che da 23 anni tutela, e lo fa attraverso un convegno dal titolo "Il radicchio si interroga sul suo futuro". Un prodotto che registra un trend in continua crescita dal 2015, ma che necessita di pianificare il prossimo futuro per mettersi in gioco anche in ottica globale e non solo territoriale. Al convegno è intervenuta, tra gli altri, Roberta Garibaldi, docente e componente di presidenza della Società Italiana Scienze del Turismo: «Oggi la ricchezza enogastronomica ...
  • 9 Ottobre 2019

    La necessità di implementare sistemi di prevenzione delle frodi nelle imprese

    Manca una vera e propria definizione condivisa di frode a livello internazionale. «Una definizione nero su bianco non esiste. La frode, in generale, si caratterizza per Intenzionalità, violazione della normative vigente, inganno o raggiro, che si ripercuote sul consumatore e sul mercato. Ed ha di base una motivazione economica. Manca però una norma di legge che stabilisca con esattezza la definizione. E soprattutto indichi alle aziende le linee per prevenire e tutelare»: è la visione di Maria Chiara Ferrarese di Csqa Certificazioni che anticipa a ItaliaOggi i temi del convegno Autentic...
  • 27 Settembre 2019

    Pera dell’Emilia Romagna IGP, via alla sagra per superare il crollo del raccolto

    Per la Pera dell’Emilia Romagna IGP è arrivato il momento di andare in scena. Al debutto ieri sera e giunta alla sua tredicesima edizione, la kermesse gastronomica proseguirà fino a domenica e poi per il secondo e ultimo fine settimana dal 3 al 6 ottobre. L'evento arriva in un 2019 particolarmente difficile per i coltivatori di pere emiliani. La cimice asiatica ha aggredito i frutteti rovinando fino al 70% del raccolto. Nonostante ciò i contadini hanno iniziato la raccolta, selezionando una pera alla volta, per far arrivare in tavola i frutti migliori. Un lavoro di qualità, frutto ...