Argomento: Vinitaly

  • 10 Aprile 2014

    Vinitaly, è mezzo pieno il calice del nostro vigneto

    Unità - Food Politics Chiude i battenti la 48esima edizione del Vinitaly e lo fa tra sorrisi e messaggi fortemente positivi, corroborati dai numeri e, finalmente, da una sensazione di diffuso ottimismo. 155.000 (+ 6% rispetto all’anno passato) i visitatori che hanno affollato i 90.000 metri quadrati della manifestazione. 56.000 i buyer internazionali (36% sul totale) che hanno potuto degustare le etichette degli oltre 4.000 espositori. Cifre importanti
  • 10 Aprile 2014

    Martina e Renzi lanciano “Campo Libero” «18 mosse per l’agricoltura»

    Il Sole 24 Ore Nell'ultimo giorno di Vinitaly, tradizionalmente più tranquillo, il ciclone Matteo Renzi ha riacceso l'attenzione sul business del vino e sulle sue straordinarie potenzialità di crescita. Ieri, peraltro, il 48 ° Salone internazionale del vino (quello del sold out da 100mila mq) ha chiuso i battenti con l'ennesimo record: una crescita dei visitatori del 6% a 155mila di cui esteri +6% a 56mila (il 36% del totale). Ieri il presidente del consiglio, dopo aver visitato gli stand del Veneto e del Chianti Classico DOP, ha detto che nel settore agroalimentare «siamo a 33 miliardi di export e dobbiamo darci un obiettivo, da qui al 2020, di salire a 50 miliardi.
  • 10 Aprile 2014

    Vinitaly, buyer in crescita del 6%

    MF Alla chiusura della manifestazione di Verona, Renzi lancia la sfida: l'export di vino dovrà crescere del 50% nel 2020 per arrivare a quota 7 miliardi. Intanto l'import fuori dalla Ue aumenta del 58%. Vai a zappare la « terra non sarà più un insulto». Con questa promessa il presidente del Consiglio Matteo Renzi ieri ha fatto calare il sipario sulla 49a edizione di Vinitaly, che ha visto aumentare gli operatori del 6% per un totale di 155 mila presenze. Importante la crescita dei buyer esteri, saliti a 56 mila dai 53 mila del 2013, raggiungendo un'incidenza del 36% sul totale. Nella top-10 di quest'anno al primo posto si è posizionata la Germania, con gli Usa quasi a pari merito.
  • 10 Aprile 2014

    Vinitaly: tipicità polesane presentate come opere d’arte

    l Polesine delle tipicità IGP e DOP ha lanciato le sue carte nulla vetrina mondiale del Vinitaly appena chiuso, come prova generale e test per cogliere al meglio le opportunità e i flussi turistici indotti da Eepo2015.
  • 9 Aprile 2014

    Vino: «nel settore biologico servono regole chiare»

    Il Sole 24 Ore  «Nel settore del vino biologico serve un salto di qualità per definire in maniera chiara cosa è bio dai vini naturali o senza solfiti. Da quei prodotti, cioè, che si richiamano solo a questo universo senza sostenere i medesimi vincoli pro duttivi e costi. Insomma non vogliamo cancellare operatori dal mercato ma fare in modo che tutto quanto viene indicato in etichetta risponda a un disciplinare di produzione e non sia frutto di sola autocertificazione». A dirlo è stato il direttore generale della qualità del ministero per le Politiche agricole, Emilio Gatto, nel corso del Vinitaly di Verona.
  • 9 Aprile 2014

    Il ministro Martina tra gli stand del Vinitaly

    Corriere di SienaPrimi segnali di ripresa e un piacevole clima di ottimismo al Vinitaly 2014. Il Ministro Maurizio Martina, accompagnato dal consigliere Mauro Rosati, Dg della Fondazione Qualivita e Luca Sani, presidente della Commissione agricoltura della Camera, hanno visitato i vari padiglioni, soffermandosi in quello toscano. Importanti gli incontri con il direttore del consorzio del Chianti Classico DOP Giuseppe Liberatore e con i produttori senesi Cesare e Andrea Cecchi, della Cecchi winery, azienda storica del Chianti Classico DOP. La visita del Ministro Martina è una chiara testimonianza dell'importanza delle imprese vitivinicole
  • 9 Aprile 2014

    Brunello di Montalcino DOP e Franciacorta DOP: la forza del successo

    Corriere di SienaAlla ribalta 27,5 milioni di bottiglie di Brunello di Montalcino DOP e Franciacorta DOP, appassionati e cultori in tutto il mondo, un prodotto di altissima gamma. Così diversi per tipologia di vino, ma al tempo stesso simili nell'impegno costante dei produttori per un vino di qualità eccellente e per il legame con il territorio di origine, i due Consorzi hanno deciso di sfruttare forze e competenze acquisite in una strategia comune di promozione. Il punto di forza su cui si basa la strategia di questo progetto è l'unione dell'attrattività dei due brand per raggiungere risultati ancora più ambiziosi nell'export.
  • 8 Aprile 2014

    Fiumi di Prosecco DOP per Germania, Regno Unito e Usa

    Il Prosecco DOP cresce del 12% nelle esportazioni e tocca cinque continenti con oltre 170 milioni di bottiglie. «In Germania una bottiglia di bollicine su due è di Prosecco mentre negli Usa e nel Regno Unito 4 bottiglie su 10 arrivano dal territorio ad origine protetta Prosecco, che spazia da Treviso a Trieste.
  • 8 Aprile 2014

    Dal Bordolino al Kressecco, la Coldiretti presenta la “cantina degli orrori”

    Dal Bordolino nella versione bianco e rosso con tanto di bandiera tricolore al Meersecco, ma ci sono anche il Barbera bianco prodotto in Romania e il Chianti fatto in California, il Marsala sudamericano e quello statunitense e il Kressecco tedesco nella cantina dell'orrore allestita dalla Coldiretti
  • 8 Aprile 2014

    Vinitaly protagonista all’EXPO

    Industria e Finanza.Vinitaly si prende un pezzo importante dell'Expo 2015. La rassegna di riferimento a livello internazionale nel settore enologico organizzata da Verona fiere, è stata incaricata della realizzazione e gestione del Padiglione del Vino. L'incarico è stato annunciato dal ministro delle politiche agricole alimentari forestali, Maurizio Martina durante l'apertura della 48 edizione della fiera. "La scelta di Vinitaly è una scelta di competenza, esperienza e professionalità, fatta nella consapevolezza che possa assicurare al vino Italiano una importante e adeguata rappresentazione nell'ambito di Expo Milano 2015 ha affermato Martina -. Vinitaly è la manifestazione che più di ogni altra ha scandito e accompagnato l'evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale e internazionale, contribuendo negli anni a rendere il vino una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del settore primario".
  • 7 Aprile 2014

    Vinitaly: il potere del vino rilancia il made in Italy

    Il PiccoloC'è una piccola luce in fondo al tunnel. E non è quella dei fari di un Tir, semmai i segnali di coda di un treno che non si può perdere, quello della globalizzazione dei mercati. Le nuove frontiere del consumo adorano il made in Italy. Lo cercano, lo vezzeggiano, fanno follie per esibirlo o assaggiarlo. Anche per questo la vernice della 48a edizione di Vinitaly, sembra nascere all'insegna di un ottimismo che si credeva perduto. Il salone internazionale più importante, assieme a Bordeaux, per vini e distillati, fa da showroom per un comparto che in Italia vale oltre 12 miliardi di euro
  • 7 Aprile 2014

    C’è l’export al centro di Vinitaly. Europa e Usa brindano tricolore

    Il GiornaleÈ il vino la locomotiva delle esportazioni agroalimentari italiane, con un consolidamento strategico su tutti i continenti e un forte impegno espansivo verso i mercati asiatici. La produzione enoica del nostro Paese non conosce crisi e dal 2008 l'export è aumentato del 37%, con indici incisivi, anno su anno, delle vendite Oltreconfine, che hanno superato nel 2013, per la prima volta, i 5 miliardi di euro in valore, crescendo di un ulteriore 7% sul 2012. Proprio l'export sarà al centro del48° Vinitaly (da oggi al 9 in Fiera a Verona) con la nuova iniziativa lnternational Buyer's Lunge
  • 5 Aprile 2014

    OperaWine e Vinitaly- Asiago DOP alla conquista dei palati più esigenti al mondo

    Vicenza, 2 aprile 2014 – Asiago DOP conferma la sua vocazione internazionale con la doppia presenza a OperaWine e Vinitaly 2014, gli appuntamenti internazionali dedicati al mondo del vino che si svolgeranno a Verona dal 5 al 9 aprile prossimi.
  • 5 Aprile 2014

    Il Radicchio di Chioggia IGP tra le eccellenze agroalimentari al Vinitaly

    Il Radicchio di Chioggia IGP torna anche quest’anno al VINITALY e raddoppia la sua presenza. Dal 6 al 9 aprile il Consorzio di Tutela Radicchio di Chioggia partecipa alla rassegna SOL&AGRIFOOD in due spazi espositivi, assieme agli altri radicchi veneti e ad alcuni dei più prestigiosi prodotti della agricoltura regionale col marchio europeo di origine protetta.
  • 4 Aprile 2014

    Più estero e più bio: ecco Vinitaly n.48

    Il GazzettinoInternazionalizzazione, buyer, export, bio e formazione: ecco le le parole chiave del 48° Vinitaly (www.vinitaly.com) che si apre domenica (fino a mercoledì) a Veronafiere. Il più grande salone mondiale dedicato al vino e ai distillati (ma anche all'olio d'oliva e al food) porterà a Verona 50mila operatori esteri da 120 Paesi e un esercito di 150 mila visitatori nei 100 mila metri quadrati della Fiera. E, come sempre, anche quest'anno, Veneto e Friuli V.G. saranno autentiche corazzate, sia in quantità (509 e 107 aziende) sia in qualità.
  • 2 Aprile 2014

    Vinitaly city

    Corriere Verona Vetrine di boutique con tralci di vite che si intrecciano alle maniche delle prime camiciette estive e calici che sbucano fra un paio e l'altro di sandali; degustazioni create ad hoc nei locali della città; mostre a tema sui vigneti locali; segnaletica intensificata per turisti e stranieri. Così, la città lavora alla preparazione corale di Vinitaly, super indotto fieristico (dalli al 9 aprile) che promette annualmente plurime ricadute economiche sul territorio, ma soprattutto una grande festa da vivere in compagnia. Così, di anno in anno, il vino si mescola a nuove esperienze culturali