Argomento: produzione vitivinicola

  • 7 Novembre 2012

    L’Italia del vino prima assoluta

    Italia Oggi Italia primo produttore al mondo di vino. Che, seppure di poco, batte la Francia 40.829 milioni di ettolitri a 40.477 milioni. A decretare il sorpasso sono le stime dell`Oiv, l`Organizzazione della vite e del vino. Dalla sede parigina il direttore generale, Federico Castellucci, parla di produzione di vino in calo in tutto il mondo con una stima media di 248,2 milioni di ettolitri prodotti. Una produzione mondiale in calo del 6% rispetto a 264,2 milioni del 2011. L`Italia avrebbe una flessione rispetto allo scorso anno, del solo 3% contro il -19% della Francia. E quindi questo farebbe sì che l`Italia diventi il primo produttore al mondo. In Europa solo Grecia, +15%, e Portogallo, +4%, hanno avuto una produzione in crescita. Per il resto Spagna, terzo produttore, -6%, Germania -3%, Austria -24%, Ungheria -36%.
  • 7 Novembre 2012

    Con vino e olio alla conquista del mercato Usa

    Il Sole 24 ore Caldo record e siccità hanno messo quest`anno in ginocchio gran parte dell`agricoltura pugliese. È stato così per il pomodoro da industria (la riduzione produttiva è stata, in media, del 50%), per l`uva da vino (nel Salento tra  20% e il 50%, nel Barese e in Capitanata -30%), per quella da tavola (-40% soprattutto nelle province di Bari, Barletta/Andria/Trani e Taranto), per ortaggi e frutta (-45%)e per le olive (la cui raccolta sta cominciando in questi giorni: si stima una flessione delle quantità del 50%, tenendo conto delle minori rese di olio e del danno alle piante giovani che si ripercuoterà negativamente sulle produzioni degli anni successivi). Alla regione non è rimasto che dichiarare, a settembre, lo stato di crisi e chiedere il decreto per le calamità naturali.
  • 5 Novembre 2012

    Formaggi e vino – International Food

    Speciale della rivista International Food sul comparto dei formaggi e dei vini made in Italy. Il settore lattiero caseario viene esaminato dedicando una particolare attenzione al mondo dei formaggi DOP, IGP e passando in rassegna parallelamente i vini più rinomati provenienti dai medesimi territori regionali. Viene inoltre presentato un quadro di sintesi dei principali indicatori economici del comparto, con un focus sull’export. 20121031_International_Food_Formaggi_e_vino.pdf
  • 30 Ottobre 2012

    Lambrusco e Gavi, ok del Mipaaf

    Tre BicchieriVia libera del Comitato nazionale vini, riunito oggi a Roma, al disciplinare dell'Igt Emilia e alle modifiche per Gavi Docg e Igt bianco di Castelfranco Emilia (che inserisce le tipologie moscato e trebbiano). Il Lambrusco, con i suoi nuovi confini che lasciano fuori i grandi imbottigliatori di Veneto, Piemonte e Lombardia, passa l'esame dopo un'audizione pubblica senza opposizioni e ora attende l'ok definitivo (a marzo prossimo) di Bruxelles per fregiarsi del titolo di primo disciplinare italiano approvato dall'Europa, dopo l'entrata in vigore delle nuove regole sulla registra...
  • 30 Ottobre 2012

    Con Veronafiere il vino italiano alla conquista di Russia e Hong Kong

    Milano FinanzaÈ partita ieri a Mosca Vinitaly in the world, la vetrina enologica di Veronafiere per promuovere l'eccellenza dei vini italiani nel mondo. Il progetto si propone di dare supporto concreto ai produttori che operano sui mercati esteri più complessi per quanto riguarda le pratiche amministrative, il rapporto con gli interlocutori, e infine le dinamiche di importazione. L'export di vino italiano non conosce battute d'arresto, avendo superato nel 2011 i 4,4 miliardi in valore, in aumento del 12,4%, e in volume i 23 milioni di ettolitri (+9,4%). Numeri significativi alla luce della ...
  • 19 Ottobre 2012

    Pechino Champagne

    L'EspressoToglieteci tutto ma non lo champagne... è il grido d'allarme lanciato dai francesi che, si sa, di tutto ciò che è "made in France" sono particolarmente fieri e gelosi. Figuriamoci quando si intravedono artigli stranieri che cominciano a ghermire più o meno discretamente la produzione del mitico champagne e del rinomatissimo vino. Così si è scesi sul piede di guerra, anche se di fronte ai pacchetti di milioni di soldi c'è ben poco da rispondere. In più, sfregio nello sfregio, ci si è messa di mezzo proprio l'Inghilterra, nemica storica, a dichiarare guerra alla Francia. ...
  • 18 Ottobre 2012

    I 7 migliori champagne

    Le FigaroStoricamente l’elaborazione di una bottiglia di champagne era un affare complicato e misterioso, gestito dai responsabili del commercio. In modo naturale, i viticoltori portavano ai negozianti le loro uve e questi si occupavano di tutto il resto, cioè di elaborare il vino e di attraversare il mondo per vendere questo bevanda così singolare. Il liceo viticolo dello Champagne ha aperto le sue porte a Avize nel 1927 e si è da sempre impegnato a diffondere queste tecniche complesse d’elaborazione tra diverse generazioni di studenti. Ma le abitudini hanno vita dura; numerosi ...