Argomento: MADE IN ITALY

  • 1 Aprile 2020

    Mais, firmato dalla filiera l’Accordo Quadro per promuovere la coltivazione

    È stato firmato l’“Accordo quadro per il mais da granella di filiera italiana certificata” che favorisce la stipula di contratti di filiera per il mais destinato all’alimentazione animale, tra cui quelli destinati ai prodotti a base di carne DOP IGP. Al riguardo, ASSALZOO - in rappresentanza dell’industria mangimistica italiana - AMI, CIA, CONFAGRICOLTURA e COPAGRI - in rappresentanza dei produttori agricoli – ALLEANZA delle COOPERATIVE AGROALIMENTARI - in rappresentanza del mondo cooperativo – ASSOSEMENTI - in rappresentanza delle ditte sementiere - ORIGIN ITALIA - in ...
  • 31 Marzo 2020

    Italia e Cina: due superpotenze agroalimentari

    Interscambio limitato, ma grande potenziale di crescita alla portata delle nostre aziende   Importazioni agroalimentari da record. Procedure meno complesse. La Cina ormai rappresenta il primo mercato al mondo per i prodotti agroalimentari grazie alla crescita del reddito pro-capite e alla diversificazione dei consumi alimentari, trainata da consumatori più giovani con abitudini sempre più internazionali. Il totale delle importazioni cinesi del settore agroalimentare ha fatto registrare, nel 2018, la cifra record di oltre 110 miliardi di USD. Anche le recenti politiche delle ...
  • 30 Marzo 2020

    Pasta di Gragnano IGP: “Aumento dei consumi, pasta bene rifugio nel mondo”

    Vorrei rassicurare tutti che non ci sono problemi di approvvigionamento. La pasta rimane alla portata rimane alla portata di tutti, in Italia e all'estero». Giuseppe Di Martino, tra i fondatori e di nuovo presidente del Consorzio di tutela della Pasta di Gragnano IGP istituito nel 2003, guarda con ottimismo al ciclo di produzione e commercializzazione dell`alimento principe che caratterizza la nostra tavola. «La situazione è abbastanza fluida - spiega Giuseppe Di Martino -. La domanda si è trasferita dalla ristorazione collettiva e di qualità al consumo casalingo, ma anche è aumentato ...
  • 25 Marzo 2020

    Il Coronavirus moltiplica il caporalato

    Mancano circa 200 mila braccianti nei campi del Paese e la difficoltà di recuperare manodopera fa raddoppiare il giro d`affari del caporalato, anche per il rallentamento dei controlli a causa del Covid-19. Il bottino dei caporali, normalmente stimato in 4,8 mld di euro l'anno, quest`anno potrebbe superare i 10 mld, con lo sfruttamento di quasi 300 mila «invisibili»; immigrati irregolari, che sono pronti a prendere il posto di chi non vuole rischiare in campo. Sulla questione è intervenuta ieri anche la ministra delle politiche agricole, Teresa Bellanova sollecitando la mappatura dei ...
  • 17 Marzo 2020

    Supporto all’export made in Italy, fondi ridimensionati a 150 milioni

    Passa da 600 milioni di euro a 150 milioni di euro per il solo 2020 il nuovo "fondo per la promozione integrata", istituito presso la Farnesina, per la realizzazione di una campagna straordinaria di comunicazione volta a sostenere le esportazioni italiane e l'internazionalizzazione del sistema economico nazionale nel settore agroalimentare e negli altri settori colpiti dall'emergenza derivante dalla diffusione del Covid-19. Rispetto alle bozze circolate la scorsa settimana, che mettevano sul piatto un fondo per le esportazioni da 1,6 miliardi, il piano di sostegno alle esportazioni per ora ...
  • 16 Marzo 2020

    Vino, l’export vale 6,4 miliardi. Bene il 2019 (+3%), timori sul 2020

    Lesti a giungere i dati 2019 sull’export vinicolo italiano forniti dall’osservatorio Qualivita Wine su dati Istat. Quanta rabbia nel constatare amaramente che questi risultati positivi non vi è possibilità alcuna di confermarli nel 2020. Tant’è, analizziamoli; ne traiamo conforto nel poter dire che se il 2020 appare oramai compromesso, è anche vero che poi ci saranno gli anni a seguire! La notazione metodologica che facciamo è il cosiddetto “elogio del pressappoco”, ovvero ci asterremo dall’indicare i valori decimali quando trattiamo percentuali ed useremo il termine “cir...
  • 13 Marzo 2020

    Coronavirus, Bellanova: “Alle merci italiane non serve alcuna certificazione”

    Nell'emergenza Coronavirus il settore agroalimentare italiano è in prima fila. I negozi di generi alimentari saranno tra i pochi a restare aperti ma la settore sono anche legate alcune delle criticità dovute all'emergenza come la mancanza di manodopera nei campi oltre alle difficoltà che si stanno registrando alle frontiere per l'export di prodotti italiani. "Che il settore agroalimentare deriva dalla sua centralità - spiega la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova-. Il bene-cibo è essenziale e strategico per l'economia. Le prime difficoltà si stanno riscontrando in ...
  • 12 Marzo 2020

    Maccheroncini di Campofilone IGP: espressione della tradizione e della bravura delle “vergare”

    Nel mensile di marzo del Gambero Rosso trovate una doppia classifica per la classica pasta all’uovo marchigiana a capello d’angelo: i maccheroncini di Campofilone Igp e quelli prodotti nel resto della regione. Sono l’espressione più genuina della tradizione e della bravura delle “vergare” di questa regione, oggi trasferita nei laboratori specializzati situati nel paese del Fermano e nelle province vicine. Da specialità fatta in casa a raffinatezza sugli scaffali di boutique gastronomiche di tutto il mondo grazie alla sua rarefatta bontà e alla capacità imprenditoriale di alcuni ...
  • 11 Marzo 2020

    L`agroalimentare guida il boom delle reti d’impresa

    Un numero che continua a crescere, anno dopo anno, è che a fine 2019 è arrivato a 5900, coinvolgendo complessivamente oltre 35mila aziende. Le reti di impresa, introdotte nel nostro paese dieci anni fa, si stano diffondendo sempre di più. Per le nostre pmi, che sono la maggior parte del tessuto industriale italiano, è una strada per fare massa critica, creare economie di scala, essere più forti sui mercati. I dati confermano una continua tendenza al rialzo: un aumento di circa il 15% all`anno costante da dieci anni a questa parte, cui corrispondono +765 contratti di rete e +3.506 imprese ...
  • 10 Marzo 2020

    RAI 3 – TGR REGIONEUROPA: le ricadute del Coronavirus sul settore agroalimentare di qualità

    Il servizio del TGR EUROPA sulle criticità vissute dal settore agroalimentare di qualità con la diffusione del Coronavirus nelle interviste di Nicola Cesare Baldrighi, Presidente di oriGIn Italia e del Consorzio Tutela Grana Padano DOP e Cesare Mazzetti, Presidente della Fondazione Qualivita e Vicepresidente del Consorzio Tutela dell'Aceto Balsamico di Modena. Fonte: RAI 3 - TGR REGIONEUROPA
  • 6 Marzo 2020

    Etichette a semaforo: agricoltori francesi con l’Italia

    L'Italia che combatte contro il nutriscore, cioè l'etichetta alimentare a semaforo che penalizza dall'olio extravergine al Parmigiano, serra le fila e cerca di fare lobby per convincere Bruxelles ad adottare un meccanismo di etichettatura alternativo. E primi frutti cominciano a vedersi. Ora gli agricoltori tedeschi sono con noi, così come i nutrizionisti olandesi. Ma soprattutto, siamo riusciti a spaccare il fronte francese: da una parte il governo di Parigi, che ha notificato a Bruxelles la sua proposta di Nutriscore; dall'altra gli agricoltori di Francia, contrari tanto quanto i nostri ...
  • 6 Marzo 2020

    Vino: Il Consorzio Brunello di Montalcino è con Vinitaly a giugno

    “Il Consorzio del vino Brunello di Montalcino è convinto che il Vinitaly a giugno andrà fatto e partecipato. Siamo una bandiera del made in Italy nel mondo e a maggior ragione ci sentiamo di ribadirlo in un momento difficile come questo, a sostegno della fiera veronese”. Lo ha detto il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci.“È chiaro – ha aggiunto - come la crisi abbia determinato una forzatura nel calendario, ma è altrettanto evidente che allo stato attuale Vinitaly non potesse realisticamente garantire ad aprile standard di business ...
  • 5 Marzo 2020

    Record DOP e IGP: valore economico e territoriale

    I prodotti alimentari di alta qualità made in Italy vengono sempre più apprezzati nel mondo. E, soprattutto, acquistati. La dimostrazione viene dal 17° Rapporto Ismea-Qualivita 2019 che analizza i dati - relativi al 2018 - delle oltre 800 Indicazioni geografiche del settore cibo e vino DOP e IGP. Un rapporto che mette in luce come questa fetta di economia nel periodo preso in esame abbia superato, per la prima volta, i 16,2 miliardi di euro di valore alla produzione con una crescita del 6% in un anno, equivalente ad un miliardo in più. Vola l'export che ha superato i 9 miliardi di euro ...
  • 27 Febbraio 2020

    Nuovi rischi per l’export agroalimentare

    Coronavirus, la ministra Bellanova denuncia: catene della grande distribuzione straniere chiedono strumentalmente garanzie ulteriori sui prodotti made in Italy. È in atto un`azione speculativa in diversi stati membri dell`Unione europea, che, per usare le parole del ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova, «rischia di determinare il blocco dell`export agroalimentare». La ministra Bellanova denuncia «la presa di posizione di alcune catene della grande distribuzione europea, le quali chiedono garanzie di sicurezza degli alimenti provenienti dal nostro Paese». Oltre al danno ...
  • 26 Febbraio 2020

    Mipaaf: approvato dal CdM il disegno di legge sugli illeciti agroalimentari

    Da oggi uno strumento in più per la tutela dei prodotti made in Italy, le Indicazioni geografiche, i consumatori. E soprattutto per il riconoscimento del valore prioritario della identità dei cibi, uno degli elementi fondativi alla base della Dieta Mediterranea patrimonio dell'umanità. Con la riforma, proponente il Ministro Bonafede e co-proponente la Ministra Teresa Bellanova, approvata stasera dal CDM, si rafforzano gli strumenti normativi contro illeciti agroalimentari: frodi, contraffazioni e agropiraterie. «Il falso made in Italy – ricorda la Ministra Bellanova – costa al ...
  • 26 Febbraio 2020

    Il Pecorino Toscano DOP chiede attenzione costante sui dazi USA

    «La decisione degli Stati Uniti di non alzare ulteriormente i dazi imposti lo scorso ottobre su vari prodotti in arrivo dall’Europa, compresi alcuni formaggi e il Pecorino Toscano DOP, non deve far abbassare la guardia sulle politiche commerciali negli Usa e sulle ripercussioni per le aziende del Made in Italy». E’ quanto afferma Andrea Righini, direttore del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP dopo che, nei giorni scorsi, l'ufficio per il commercio Usa ha rivisto la lista dei prodotti soggetti a dazi emanata lo scorso ottobre. «Gli Stati Uniti - aggiunge Andrea Righini - hanno ...