Argomento: FOOD ECONOMY

  • 12 Marzo 2019

    Lo Speck Alto Adige IGPchiude il 2018 in crescita, produzione +1,9%.

    Sono numeri positivi quelli che accompagnano il bilancio dell’anno 2018 per lo Speck Alto Adige IGP, che si conferma un salume con prospettive di crescita all’interno del comparto, sia nel mercato italiano che in quello estero. 2.755.541 sono le baffe di speck che, nel 2018, sono state contrassegnate con il marchio di qualità Speck Alto Adige IGP, con una crescita di produzione del +1,9% rispetto all’anno 2017. 38 i milioni di confezioni di Speck Alto Adige IGP preaffettato che sono state prodotte, con un aumento importante del numero di confezioni con grammatura inferiore a 90 ...
  • 11 Marzo 2019

    Viani, Consorzio del Prosciutto Toscano: “Obbiettivo consolidamento del marchio”

    È Fabio Viani il nuovo presidente del Consorzio del Prosciutto Toscano, succedendo nell'incarico a Cristiano Ludovici, che aveva ricoperto la presidenza a partire dal 2013. «Sono onorato di rivestire questo ruolo. Mi impegnerò a dare continuità all'eccellente lavoro portato avanti finora dai miei predecessori», ha dichiarato Fabio Viani assumendo il suo nuovo incarico. «Con la collaborazione dei colleghi consiglieri rafforzeremo le attività di comunicazione volte alla promozione del Prosciutto Toscano DOP sia in Italia che all'estero, e dovremo fare un ulteriore sforzo per far ...
  • 8 Marzo 2019

    Prezzi degli agrumi a picco alberi tagliati nel Tarantino

    La guerra degli agrumi fa strage di alberi nel Tarantino e pare non avere fine. Nei campi la disperazione degli agricoltori si mescola alla rabbia. L'atmosfera è infernale: le clementine e le arance non rappresentano più una fonte di reddito e finiscono al macero. «In questi giorni in tanti mi hanno chiesto cosa si provi ad espiantare un agrumeto. I miei alberi avevano 60 anni, producevano clementine Igp, li avevo ereditati da mio padre. Il senso di impotenza che mi ha portato a questa decisione è grande, la sofferenza per aver dovuto sradicare i miei alberi di più. Ma non avuto ...
  • 7 Marzo 2019

    Prosciutto di Modena DOP. Nel 2018 incremento della produzione del 16.3%

    Buone notizie dal Consorzio del Prosciutto di Modena che ha chiuso il 2018 con un bel segno più sulla produzione. Infatti, sono stati circa 71.600 i prosciutti avviati alla produzione, segnando un incremento del 16.3% rispetto al 2017, per un valore al consumo di circa 12.500.000 euro. Anche il segmento del preaffettato ha registrato un aumento di circa il 17%, rispetto al 2017, confermandosi così un canale importante che assorbe all’incirca il 15% della produzione totale. “È indubbio che questi dati, in controtendenza rispetto ad un mercato in contrazione, commenta il Presidente ...
  • 7 Marzo 2019

    Unesco, niente scippo Parma avrà il Forum

    Il dietrofront di ieri pomeriggio della Farnesina ha chiuso il casus belli dello "scippo" del IV Forum Unesco sulla cultura alimentare ai danni di Parma che il Governo stava programmando ed evitato, così, un'altra magra figura al nostro Paese sul palcoscenico internazionale. Oltre a confermare il valore della capacità di fare squadra del territorio emiliano: 28 le firme apposte da soggetti pubblici e privati della food valley, in calce alla lettera inviata ieri al premier Giuseppe Conte chiedendo un suo immediato intervento riparatore. Dalle istituzioni locali agli industriali, dai consorzi ...
  • 5 Marzo 2019

    Il mondo agricolo vuole fare rete con altri settori

    L' esempio virtuoso è sotto gli occhi di tutti: il vino. E questo l'unico prodotto agroalimentare della Toscana che è riuscito a compattare e far crescere l'intera filiera, dai viticoltori ai trasformatori ai distributori, valorizzando la qualità e costruendo un brand d'eccellenza che ha pochi eguali nel mondo (e numeri di tutto rispetto: più di 950 milioni di export nel 2018). Ma - vino a parte - c'è un mondo agricolo toscano fatto di piccoli produttori che soffrono: dai cereali all'olio, dal latte al pomodoro da industria, mancano filiere "forti" in grado di remunerare coltivatori e ...
  • 4 Marzo 2019

    Salumi Beretta teme la Brexit e i tarocchi: stabilimenti dove è difficile l’export diretto

    "Salumi Beretta, tutti ne vogliono una fetta» : guardando le cose dal di fuori dell'azienda, l'impressione è che questa pubblicità abbia reso popolare un marchio già importante ma che fino ad allora non era noto a tutti. E dall'interno dell'azienda la percezione è la stessa? «Sì, lo spot ci ha molto aiutato» risponde il presidente Vittore Beretta «anche se la Beretta era ben radicata in Italia e all'estero da molti decenni. Io rappresento la sesta generazione di un'attività nata a Barzanò, nel cuore della Brianza, addirittura nel 1812, e oggi abbiamo 30 siti produttivi in Italia e ...
  • 1 Marzo 2019

    Calabria ufficialmente indenne da MVS

    ASSICA: «Ottima notizia. Effetti positivi sul nostro export» La decisione era attesa e prevista dagli operatori del settore: il territorio italiano è indenne da Malattia Vescicolare del Suino (MVS). Nelle scorse ore è stata infatti diffusa la decisione presa dallo Standing Committee on Plants, Animals, Food and Feed (PAFF Committee), riunitosi a Bruxelles il 25 e 26 febbraio scorsi, che ha riconosciuto l’indennità della Regione Calabria - l’ultima Regione che ancora compariva nelle liste dei territori in cui l’MVS era presente - da Malattia vescicolare del suino (MVS), ...
  • 27 Febbraio 2019

    Nasce lo snack a base di legumi della Murgia

    Nasce Natura Snack Sapori Mediterranei, lo snack a base di legumi della Murgia. Si tratta del primo prodotto salato a base di legumi Igp, non fritto e senza olio, sviluppato da Cerealitalia in collaborazione con l'azienda «Terre di Altamura». Dagli ingredienti, oltre alla lenticchia di Altamura Igp e ai ceci della Murgia, ci sono anche a materie prime provenienti da filiera controllata. Per il direttore del Consorzio della Lenticchia di Altamura Igp, Gerardo Centoducati, «l'impiego di questo legume in un'ampia gamma di prodotti alimentari è un'operazione per incrementare le opportuni...
  • 25 Febbraio 2019

    L’occasione delle nocciole certificate italiane

    Sugli scaffali degli alimentari di tutta Italia, come scrive Stefano Parola sulla Repubblica di Torino, si sta verificando una vera e propria guerra tra creme spalmabili a base di nocciola. L’incontrastata regina delle merende, la Nutella, commercializzata da Ferrero fin dal 1964, vede per la prima volta l'arrivo di una motivata concorrenza, rappresentata dalla ormai quasi introvabile Crema Pan di Stelle Barilla, così come dalla Crema Novi. Il grande successo delle creme spalmabili allora fa pensare che la filiera delle nocciole di origine italiana, che tanto ha sofferto della recente ...
  • 20 Febbraio 2019

    Amazon lancia Prime Now per le Pmi del food

    Nuova partnership fra Amazon e alcune aziende italiane. Si chiama "Start-up e piccoli produttori", ed è il programma legato a Prime Now lanciato dal colosso di Seattle. Si tratta di un'iniziativa dedicata alle aziende italiane dell'agroalimentare costituite da non più di 5 anni, con un fatturato dell'ultimo esercizio inferiore a dieci milioni di euro e che vendono solo prodotti 100% italiani. Il servizio consentirà alle aziende di promuovere e far conoscere le eccellenze alimentari ai clienti Prime di Milano, usufruendo del servizio di consegna di Prime Now in 1 ora o in finestre a scelta ...
  • 20 Febbraio 2019

    Il Montasio DOP conquista nuove vette: produzione in crescita dell’11 per cento

    Produzione in netto aumento per il Montasio DOP, il tipico formaggio a pasta dura prodotto in Friuli Venezia Giulia e parte del Veneto che rappresenta una delle eccellenze della gastronomia italiana. A fronte di una richiesta anch’essa in aumento infatti, la produzione del Montasio DOP è passata dalle 794.576 forme del 2017 alle 882.589 prodotte del 2018, segnando un incremento dell’11%. “Un dato in controtendenza rispetto a un mercato in contrazione – commenta il presidente del Consorzio Maurizio Masotti –. L’obiettivo delle 850mila forme che ci eravamo dati lo scorso anno non ...
  • 19 Febbraio 2019

    Verso un nuovo record l’export di Grana Padano

    Si concluderà giovedì la 24° edizione di Gulfood, la più importante fiera dedicata al settore food and beverage nel vicino Oriente e tra le più grandi al mondo, con oltre 5mila espositori provenienti da 193 Paesi, distribuiti su una superficie di un milione di metri quadrati nel World Trade Center di Dubai. Guarda al mercato emiratino, in crescita per il nostro export, anche il Consorzio Tutela Grana Padano che ha partecipato per la sesta volta alla fiera e rappresenta il prodotto DOP più consumato nel mondo. Nel 2018 i caseifici consorziati hanno lavorato 4.932.996 forme. «I dati ...
  • 4 Febbraio 2019

    Siena: le eccellenze food&wine della Toscana aprono la due giorni senese

    “Ritorniamo a Siena da dove siamo partiti nel 2000” è il commento di Mauro Rosati direttore generale Fondazione Qualivita”  in apertura del pomeriggio di lavori dedicato alla cultura agroalimentare e vitivinicola toscana, un evento in tre momenti: convegno, tavola rotonda ed esposizione delle eccellenze agroalimentari e vitivinicole DOP IGP regionali. “ Siamo  tornati nell'imponente complesso museale Santa Maria della Scala per raccontare una nuova storia – aggiunge Rosati -.  In questi anni il mondo del food ha assunto un ruolo molto diverso, il cibo si è legato sempre più ...
  • 24 Gennaio 2019

    Cresce l’agroalimentare veneto, nel 2018 sfiorati i 6,5 mld di euro

    Presentato da Veneto Agricoltura il Report con le prime valutazioni sull'andamento dell’agroalimentare veneto nel 2018. Il vitivinicolo spinge la produzione lorda agricola regionale a 6,4mld/€, +8% sul 2017. In generale il primario tiene bene, con i soliti alti e bassi: male cereali autunno-vernini, barbabietole e colza; bene soia e girasole. Colture orticole in chiaroscuro; frutticole, ok mele e kiwi. Stabile la produzione di latte, bene i formaggi, carne in altalena. “L’agricoltura sottostà all'andamento meteo delle stagioni, che non sempre è favorevole, ma negli ultimi anni si ...
  • 18 Gennaio 2019

    Rimini, l’inarrestabile ascesa del gelato italiano nel mondo

    Un cono di dolcezza da oltre 15 miliardi di euro. È questa la stima del giro d'affari del gelato artigianale,una delle tante specialità del food made in Italy. Il 16o%del fatturato, 9 miliardi, viene realizzato in Europa dove le vendite crescono con un ritmo costante del 4% l'anno. Nel vecchio continente si contano 30omila addetti di cui la metà attiva in Italia. In quella che è la culla del buon gelato non solo si concentra un addetto su due d'Europa ma una sostanziosa quota, quasi un terzo, dei business della regione: ben 2,7 miliardi di ricavi. È quanto rivela l'Osservatorio Sigep ...