OQ-SISTEMA IG

Osservatorio Qualivita Sistema IG

  • 15 dicembre 2017

    Network IG, la Bergamo Declaration diffusa in Giappone e Spagna

    Ad oltre due mesi dalla sua firma, in occasione del G7 italiano dei Ministri dell'Agricoltura, la Bergamo Declaration - il documento strategico sullo sviluppo del sistema internazionale delle Indicazioni Geografiche - continua nel suo percorso di diffusione in tutto il mondo. L’11 Ottobre 2017, a margine degli eventi del G7 Italia 2017, le organizzazioni dei produttori delle Indicazioni Geografiche provenienti da tutto il mondo, insieme a rappresentanti politici e stakeholders del settore, hanno redatto e sottoscritto questo documento strategico con l'obiettivo di supportare la costruzione una nuova agenda della politica internazionale e dei governi locali. In questo caso ad essere interessati da una nuova azione di diffusione sono il Giappone e la Spagna. Grazie al contributo del Dott. Shohei Yamamoto, Chief Researcher al Food Marketing Research and Information Center di Tokyo, e della Dott.ssa Rebeca Vázquez, direttrice di Origen España, la Dichiarazione di ...
  • 15 dicembre 2017

    Il Vino Nobile di Montepulciano DOP punta alla sostenibilità

    Il Vino Nobile di Montepulciano punta a essere un vino sostenibile. Lo certificherà a breve (si prevede la presentazione della certificazione entro aprile prossimo) una piattaforma progettata dall’Università Marconi di Roma che lavora sui parametri dettati dalla norma Equalitas. Il sistema, che vede impegnate tutte le aziende produttrici di Vino Nobile di Montepulciano, è stato presentato mercoledì 13 dicembre al Teatro Poliziano di Montepulciano nel corso del Seminario “Nobile e Sostenibile” promosso dai partner del Progetto integrato di filiera di cui il Consorzio del Vino Nobile è tra i promotori. Montepulciano sarà così uno dei primi distretti della sostenibilità italiani e nel mondo ad avere una vera e propria certificazione a riguardo secondo i dettami della norma oggi più completa a livello internazionale, Equalitas. Il progetto è stato realizzato da un gruppo di lavoro partecipato dalla già citata Università Marconi di Roma, la CIA Toscana, QSR srl di ...
  • 15 dicembre 2017

    Il ministro Martina incontra il Consorzio Parmigiano Reggiano DOP

    Venerdì 15 dicembre presso la sede del Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP a Reggio Emilia, il ministro Maurizio Martina incontrerà il presidente Nicola Bertinelli per un confronto sulla filiera del Parmigiano Reggiano DOP. Il dibattito sarà moderato da Mauro Rosati, direttore generale della Fondazione Qualivita. Dopo l’incontro sarà anche presentato l’ultimo libro scritto dal ministro Maurizio Martina “Dalla terra all’Italia” per raccontare il profondo legame tra in nostro paese e il settore agricolo e alimentare. Fonte: Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP
  • 14 dicembre 2017

    NAC, sicurezza agroalimentare: sequestrate oltre 23 tonnellate di prodotti alimentari

     I NAC del  Reparto Carabinieri Tutela Agroalimentare di Salerno, a seguito di verifiche svolte a nella provincia di Napoli, a Casandrino hanno sequestrato  11 tonnellate di riso e 3 quintali di pesce congelato per la mancanza di rintracciabilità sulla provenienza degli alimenti. L’operazione, a presidio di beni essenziali di largo consumo, è stata condotta per garantire che giungano sulle tavole dei cittadini, specie in procinto di un momento di tradizionale convivialità come il Natale, solo cibi sicuri. La costante attività preventiva della specialità dell’Arma, finalizzata ad evitare la circolazione di alimenti potenzialmente dannosi per la salute, in questa settimana ha portato al sequestro, solo in Campania, di oltre 23 tonnellate di prodotti alimentari. Fonte: Comando Carabinieri politiche agricole e alimentari SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO
  • 13 dicembre 2017

    Made in Italy, Grana Padano DOP incontra Ministro Martina: uniti contro ‘falsi’ e imitazioni’

    "Un incontro interessante e proficuo per affermare il valore del made in Italy e ribadire come il settore agroalimentare del nostro Paese sia sinonimo di qualità". Così Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio per la Tutela  del Formaggio Grana Padano, commenta  la visita del ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, ieri a Sirmione, nella sede del Consorzio del prodotto DOP più consumato del mondo (4 milioni e 800 mila formeannue), per presentare il suo libro 'Dalla terra all’Italia. Storie dal futuro del Paese'. Un volume nel quale, come lo stesso ministro ha spiegatoalla platea, si racconta "la passione, la fatica e la voglia di farcela di tanti giovani italiani che stanno rilanciando l’agricoltura e l’alimentazione in un’ottica moderna e innovativa". All'appuntamento erano presenti anche i rappresentanti dei Consorzi Asiago DOP, Provolone Valpadana DOP, Monte Veronese DOP, Gorgonzola DOP, Olio del Garda DOP, Vini Lugana DOP e Franciacorta DOP, ...
  • 13 dicembre 2017

    Agrumi siciliani: slalom tra i rischi

    Prezzi, virus e clima mancanza di valorizzazione, concorrenza di altri Paesi. Sono i fattori che rendono complicata la campagna appena iniziata degli agrumi siciliani. E il distretto che racchiude anche tutti i Consorzi di tutela delle produzioni di qualità – Arancia di Ribera DOP, Limone di Siracusa IGP, Limone Interdonato DOP, Arancia rossa di Sicilia IGP – e dalle associazioni che hanno chiesto il riconoscimento (Mandarino tardivo di Ciaculli e Limone dell’Etna) chiede aiuto alla regione. Lo fa con una lettera a firma della presidente del distretto produttivo agrumi di Sicilia, Federica Argentati. «La campagna è complessa in particolar modo per gli imprenditori agricoli costretti a subire, nella maggior parte dei casi, prezzi non adeguati neanche a coprire i costi di produzione», scrive la presidente. Inoltre «molti agrumeti sono colpiti dal virus «Tristeza» e da altre fitopatie e molti imprenditori sono costretti ad abbandonare le proprie aziende a causa di mancanza ...
  • 13 dicembre 2017

    Efow: soddisfazione per la ratifica della parte agricola del “Regolamento Omnibus”

    Efow, la Federazione europea dei vini d’origine, accoglie con grande favore la  ratifica della parte agricola del “Regolamento Omnibus” adottata martedì 12  dicembre a Bruxelles  dal Parlamento europeo e dal Consiglio dei ministri dell’Agricoltura e della Pesca. “La componente agricola del regolamento Omnibus introduce nuove disposizioni molto positive per il settore del vino – evidenzia Efow in una nota – in particolare per le Denominazioni del vino. Concretamente, il regolamento migliora il sistema delle autorizzazioni di impianto di nuove viti, introducendo nuovi criteri a disposizione degli Stati membri. Inoltre, il testo prevede nuove misure per far fronte ai rischi climatici, abbassando la soglia per attivare l’assicurazione sulle colture, e per rispondere all’andamento negativo dei prezzi sul mercato, attraverso la condivisione del valore da parte delle organizzazioni di settore”. Il presidente dell’Efow, Bernard Farges, accoglie così il ...
  • 13 dicembre 2017

    Lambruschi modenesi DOP, Bagni: “Un vino storico che punta alla sostenibilità”

    La storia del Lambrusco parte da lontano, da Modena, che è il territorio dei Lambruschi DOP. Qui si producono il Lambrusco di Sorbara DOP, il Lambrusco Salamino di Santa Croce DOP,  il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOP e il Modena DOP. Il Consorzio marchio storico dei Lambruschi modenesi promuove e tutela queste quattro denominazioni e per sottolineare l’autenticità del prodotto e il legame con il territorio ha scelto come marchio il rosone del Duomo di Modena, per trasmettere un messaggio di autenticità del prodotto. Le aziende consorziate hanno una rappresentatività pari all'85% della produzione di Lambrusco DOP prodotto e imbottigliato in provincia di Modena. Da undici anni Ermi Bagni dirige il Consorzio Marchio Storico Lambruschi Modenesi. Negli anni 70 era il Lambrusco  il vino italiano più conosciuto e bevuto al mondo, e adesso? “Fino a 2 anni fa era ancora il vino italiano più esportato al mondo, da due anni c’è stato il sorpasso da parte del Prosecco ...
  • 13 dicembre 2017

    Venezia – Cerimonia conclusiva del Master in cultura del cibo e del vino 2017

    Mercoledì 13 dicembre p.v. alle h 15.00 presso l'Aula Magna Silvio Trentin della sede di Ca' Dolfin dell'Università Ca' Foscari Venezia si svolgerà la cerimonia conclusiva del Master in "Cultura del cibo e del vino" dell’anno accademico 2016-17.  Il programma prevede la lectio magistralis “Dalla terra al bicchiere, la storia del birrificio agricolo Baladin” tenuta da Teo Musso, uomo dalla personalità poliedrica e dalle grandi doti comunicative, considerato uno dei rappresentanti più significativi di un nuovo modo di intendere la birra, rigorosamente artigianale e preferibilmente da abbinare il cibo. Musso  è mastro birraio e fondatore dell’azienda Baladin, l’uomo che ha costruito un “birrodotto” che attraversa il paese dove ha si trova la sua azienda di produzione. Particolarmente indicativa la scelta di concludere il Master in cultura del cibo e del vino con la testimonianza di uno dei personaggi più interessanti del panorama nazionale, il cui  “per...
  • 12 dicembre 2017

    Riforma Pac, De Castro: “Innovazioni di grande portata”

    "A soli 15 mesi dalla pubblicazione della proposta di Regolamento Omnibus, ci troviamo a esprimere il voto finale sul pezzo forte di questa legislatura europea per quanto riguarda il settore agricolo. L'Omnibus ci ha infatti offerto l'opportunità di intervenire sull'attuale struttura della Pac: opportunità che si è concretizzata grazie, soprattutto, al determinato e determinante contributo del Parlamento europeo". Queste le parole del Primo Vice Presidente della Commissione Agricoltura Paolo De Castro durante la discussione in Plenaria che, ieri, ha anticipato il voto di oggi sulla riforma di medio termine della politica agricola comune. "I piccoli aggiustamenti e le timide aperture presenti nella proposta iniziale della Commissione, andavano sicuramente nella giusta direzione, ma non apparivano all'altezza delle sfide che i sistemi agroalimentari stanno affrontando. Proprio per questo abbiamo sentito la responsabilità di dare ai cittadini e agli agricoltori europei delle ...
  • 12 dicembre 2017

    Accordo libero scambio UE-Giappone: potenziale da 10 miliardi per l’agroalimentare

    Un potenziale aumento delle esportazioni UE verso il Giappone fino a oltre 20 miliardi di euro, di cui 10 solo per i prodotti alimentari: questo il "valore" dell’accordo di libero scambio tra UE e Giappone formalizzato oggi a Bruxelles. L’intesa, che ora dovrà essere approvato dal Consiglio e dal Parlamento UE, dovrebbe entrare in vigore entro la primavera del 2019 ed è stata definita di «importanza strategica» dal presidente della Commissione UE Jean-Claude Juncker e dal premier giapponese Shinzo Abe. Due gli aspetti chiave dell’accordo: l’apertura del mercato nipponico all’agroalimentare europeo (destinata a fare dell’UE il primo partner commerciale di Tokyo in questo settore) e il completamento dell’apertura del mercato europeo all’industria automobilistica giapponese. Un mossa, quest’ultima che, secondo gli esperti, attraverso la creazione di standard tecnici comuni consentirà la creazione di un polo mondiale che guiderà la definizione delle auto del ...
  • 12 dicembre 2017

    Maurizio Martina incontra il Consorzio di Tutela del Grana Padano

    Martedì 12 dicembre presso la sede del Consorzio di tutela del Grana Padano di Desenzano si terrà l’incontro fra i soci del consorzio e il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina. Tema dell'incontro saranno le sfide presenti e future per lo sviluppo della filiera di produzione del formaggio Grana Padana DOP i cui aspetti saranno sottoposti al ministro Martina. L'iniziativa sarà introdotta da Cesare Baldrighi, Presidente del Consorzio di Tutela Grana Padano e vedrà l'intervento del direttore dell'organismo consortile Stefano Berni. A moderare il dibattito sarà Mauro Rosati, direttore generale della Fondazione Qualivita. Durante l’incontro sarà anche presentato l’ultimo libro scritto dal ministro Maurizio Martina "Dalla terra all’Italia" per raccontare il profondo legame tra in nostro paese e il settore agricole e alimentare. Fonte: Fondazione Qualivita  
  • 11 dicembre 2017

    Chi ha paura di McDonald’s?

    Le opinioni verso McDonald's assomigliano a quelle elettorali. Delle due l'una: o in maniera diffusa le persone dichiarano, secondo la regola sondaggistica della «risposta socialmente desiderabile», di non apprezzare la catena salvo comportarsi in modo contrario, visto che comunque McDonald's ha 700 mila clienti al giorno, con 565 ristoranti sparsi in tutta Italia; oppure è un'ostilità ristretta a una élite culturale che riesce a esprimere la propria opinione più e meglio della generalità delle persone, ma che non la rappresenta. Si moltiplicano gli attacchi, ma centinaia di migliaia di persone vanno ogni giorno a mangiarci. E l'agricoltura italiana è diventata un'alleata, anche grazie ai prodotti a Indicazione Geografica. VISUALIZZA L'ARTICOLO COMPLETO Fonte: Panorama
  • 7 dicembre 2017

    Desita award–Pizza experience: la ‘pizzeria nomade’ the sail vince il design contest internazionale

    Una pizzeria nomade, che può essere allestita sulle spiagge di tutto il mondo; un’innovativa soluzione contro lo spreco di carta che trasforma i rifiuti in qualcosa di prezioso; un’esperienza divertente e conveniente per personalizzare la pizza e mettere tutti d’accordo sul tipo di tonda da ordinare: sono i tre progetti vincitori della prima edizione dell'innovativo design contest internazionale, DESITA AWARD – PIZZA EXPERIENCE, che ha coinvolto designer e creativi under 35 di ogni angolo del pianeta per ripensare l’esperienza attorno alla pizza. Ideato e promosso da DESITA (realtà internazionale specializzata nella realizzazione di brand, concept e format a livello globale), in collaborazione con FONDAZIONE QUALIVITA e TUTTOFOOD di Fiera Milano e con il Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, il concorso vede infatti sul gradino più alto del podio l’Italia con il progetto firmato da Vincenzo Sorrentino, The Sail, seguita da USA, con ...
  • 7 dicembre 2017

    Amarone delle Valpolicella DOP: prove di dialogo Consorzio-Famiglie

    Trovare un accordo, quanto prima, per il bene di uno dei territori più importanti del vino italiano, la Valpolicella, realtà da 60 milioni di bottiglie, 550 milioni di euro di giro d’affari (il 75% all’export), che oggi il Consorzio della Valpolicella guida e tutela, e che, indiscutibilmente le 13 realtà delle “Famiglie Storiche” (questo il nuovo nome, da ieri, poichè dopo la sentenza del tribunale di Venezia non si possono più chiamare “dell’Amarone d’Arte”) hanno contribuito a costruire ed affermare nel mondo. È l’intento dichiarato, e di buon senso, del Consorzio, guidato da Andrea Sartori, e da Sabrina Tedeschi, presidente delle Famiglie, che, auspicabilmente, dopo le due voci, in contraddizione tra loro, del Tribunale di Venezia (che ha accettato le istanze del Consorzio vietando l’uso, come detto, della dicitura “dell’Amarone d’Arte” alle Famiglie, obbligandole a cambiare nome, rimuovere il logo e non solo) e dell’Euipo (l’ufficio Ue che ...
  • 7 dicembre 2017

    UNESCO, Mipaaf: l’arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio dell’umanità

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che il comitato per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco ha iscritto “L’Arte del Pizzaiuolo Napoletano” nella lista degli elementi dichiarati Patrimonio dell’umanità. La candidatura è stata avviata dal Mipaaf nel marzo 2009 ed è stata condotta da una specifica task force di esperti guidata dal professor Pier Luigi Petrillo. “Il Made in Italy ottiene un altro grande successo – afferma il Ministro Maurizio Martina – È la prima volta che l’Unesco riconosce quale patrimonio dell’umanità un mestiere legato ad una delle più importanti produzioni alimentari, confermando come questa sia una delle più alte espressioni culturali del nostro Paese. È un’ottima notizia che lancia il 2018 come anno del Cibo. L’arte del pizzaiuolo napoletano racchiude in sé il saper fare italiano costituito da esperienze, gesti e, soprattutto, conoscenze tradizio...