Articoli Stampa

  • 18 settembre 2018

    Consorzio delle Venezie DOP, vendemmia del Pinot Grigio chiusa con un +20%

    Si chiude in questi giorni la seconda vendemmia del Consorzio Doc delle Venezie - e la prima a Doc integrale del Pinot grigio - che registra una qualità e una sanità molto buona delle uve e una crescita media dei volumi, tra le differenti aree viticole, che oscilla tra il +15 e il +20% sulla media delle ultime annate, in linea con la positiva tendenza nazionale, sfiorando in alcune zone il +30% sul 2017, coerente con il trend europeo. «È la nostra prima vendemmia di Pinot grigio solo Doc che celebriamo con una qualità media molto buona ed una gestione del potenziale produttivo da parte del Consorzio che ci fa guardare con grande fiducia e serenità ai mercati», commenta il Presidente del Consorzio Doc delle Venezie Albino Armani. IL METEO Un andamento climatico favorevole ha permesso ai vigneti di raggiungere un buono stato di salute, con una giusta gradazione zuccherina ed equilibrato stato di acidità delle uve. Il bel tempo che ha caratterizzato l'areale del Triveneto ...
  • 14 settembre 2018

    Il 15 e il 16 settembre torna la Festa della Pasta di Gragnano IGP

    Nella patria della Pasta di Gragnano IGP, due giornate per degustare i piatti della tradizione gragnanese, tra spaghetti, ziti e paccheri, con le aziende aperte per scoprire i segreti del marchio Gragnano IGP Artisti di strada e spettacoli serali. E come testimonial d'eccezione quest'anno c'è lo scrittore Maurizio de Giovanni. L'oro bianco di Gragnano celebra la sua storia e si mette in mostra sabato 15 e domenica 16 settembre nel borgo dove il prodotto simbolo del made in Italy viene prodotto ed esportato in tutto il mondo. Per l'occasione il centro storico gragnanese sarà aperto e con esso i pastifici dove si esegue la lavorazione della pasta IGP nei formati più amati in tutto il mondo tra cui spaghetti, pacchetti e ziti. Un week end di gusto grazie al Consorzio di tutela della Pasta di Gragnano IGP (Indicazione Geografica Protetta) che aprirà le porte dei 14 pastifici che hanno reso la cittadina dei Monti Lattari patrimonio indiscusso della pasta. La festa sarà ...
  • 13 settembre 2018

    Eccedenza record, rischio crisi per il Pecorino Romano DOP

    Sos Pecorino Romano DOP: il Centro studi Agricoli lancia l'allarme per l'eccedenza record nella stagione 2018 appena conclusa, con conseguenze negative per tutto il settore produttivo. La lavorazione del Pecorino Romano DOP è limitata alle regioni del Lazio, della Sardegna e alla provincia di Grosseto in Toscana ed è il frutto di secoli di esperienza. Pochi formaggi infatti possono vantare origini così antiche come il Pecorino Romano DOP: già gli antichi romani lo apprezzavano e nei palazzi imperiali era considerato il giusto condimento durante i banchetti, mentre la sua capacità di lunga conservazione ne faceva un alimento base delle razioni durante i viaggi delle legioni. Molti secoli sono passati e oggi il Pecorino Romano DOP rischia di entrare in crisi per colpa della produzione che nella stagione è stata di molto superiore rispetto a quanto programmato dal Piano Produttivo approvato dal Consorzio di Tutela all'inizio dell'anno. Il Csa ha comunicato che secondo i ...
  • 10 settembre 2018

    L’Agnello di Sardegna IGP finisce sott’olio

    L'Agnello di Sardegna IGP termizzato e in vasetti sott'olio. E' la nuova scommessa dell'azienda "La Genuina" di Ploaghe, in provincia di Sassari e in collaborazione con il Consorzio di tutela Agnello di Sardegna IGP (Contas), ha lanciato la linea di questo prodotto. Che, oltre ad essere termizzato, cioè precotto, è immesso sul mercato in vasetti. In questo modo l'Agnello di Sardegna IGP potrà essere tranquillamente consumato al mare, ma anche in ufficio. E si tratta di un modo originale di valorizzare ulteriormente l'Agnello made in Sardegna IGP, un prodotto di qualità che si sta guadagnando una nuova fetta di mercato al di fuori dei tradizionali periodi pasquali e natalizi. Recentemente i vertici di Contas hanno raggiunto accordi per esportare l'Agnello precotto in Arabia Saudita, dove troverebbe una buona fetta di mercato. "L'iniziativa de La Genuina - commenta il presidente di Contas Battista Cualbo- è innovativa in quanto consente agli utenti che ancora non conoscono ...
  • 5 settembre 2018

    Export e marketing, il Verdicchio dei Castelli di Jesi DOP vuol volare più in alto

    "In dieci anni è stata contingentata la produzione di Verdicchio dei Castelli di Jesi DOP , triplicata la superficie media di ettari vitati per azienda, rinnovato oltre un quarto del vigneto e l'imbottigliamento fuori zona è calato del 75%. Oltre a ciò, nel periodo le aziende aderenti ai nostri progetti di promozione sono aumentate del 165% e l'export è cresciuto del 50%. Queste scelte stanno pagando sulla qualità del prodotto. Ora serve lavorare di più sul valore e sul marketing". Lo ha detto a Collisioni Jesi, nel corso del convegno "Bianco come il vino" in occasione dei 50 anni del Verdicchio dei Castelli di Jesi DOP, il direttore dell'Istituto marchigiano di tutela vini, Alberto Mazzoni. "Da quattro anni - ha ricordato il direttore del consorzio, che riunisce 472 soci per 15 denominazioni - abbiamo il bianco fermo più premiato dalle guide e non riusciamo ad affermare fino in fondo il nostro valore reale. In 10 anni, la base produttiva si è rafforzata nelle superfici ...
  • 5 settembre 2018

    Cioccolato di Modica IGP: un codice di riconoscimento per ogni barretta

    Ormai il countdown è iniziato e si aspetta con apprensione e vivo entusiasmo la produzione delle barrette di Cioccolato di Modica IGP, con il nuovo marchio e secondo i rigidi dettami del disciplinare, che potrebbe iniziare in autunno. La festa di ChocoModica che si svolgerà dal 26 al 28 ottobre potrebbe combaciare con l'avvio ufficiale, se la burocrazia lo permetterà. Il nuovo marchio IGP sarà un ologramma forgiato dalla Zecca di Stato con ulteriore prestigio per la nota barretta del cioccolato di Modica, veicolo in tutto il mondo della storia e della cultura millenaria del territorio modicano. Presentati  modalità e tempistiche che interesseranno la produzione delle nuove barrette secondo il disciplinare già pubblicato a maggio del 2017 sulla gazzetta ufficiale e secondo il quale i produttori devono già produrre barrette ed incartamenti. Alla presenza del sindaco Ignazio Abbate, del direttore del Consorzio per la tutela del cioccolato di Modica, Nino Scivoletto e del ...
  • 4 settembre 2018

    Un IGP di successo: aumenta il valore della Cipolla Rossa di Tropea IGP

    Di un rosso intenso, dolce e croccante, la Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP si colloca al quinto posto, in termini di volumi, tra i prodotti ortofrutticoli italiani che si fregiano del bollino Ue. Il Rapporto Ismea-Qualivita 2017 mostra nel 2016 un rimbalzo a due cifre, +19% in volume e +34% in valore (poco meno di 9 milioni di euro alla produzione) rispetto all'anno precedente a conferma che 1"Igp continua ad avanzare. "Oggi anche a scapito degli agrumeti soppiantati dalla concorrenza del prodotto spagnolo -fa notare il presidente del Consorzio di tutela, Giuseppe Laria-. Partendo dai 35mila quintali dei 2008. anno del riconoscimento dell'IGP, siamo amvati alle 2.700 tonnellate di Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP nel 2017. In quest'ultimo anno abbiamo certificato 200 tonnellate in più sul 2016. Per dare una giusta collocazione economica al prodotto occorre tuttavia confrontare i volumi dell'Igp con la produzione di cipolle che a livello mondiale raggiunge i 90 milioni di ...
  • 4 settembre 2018

    DOP e IGP fuori da intese Brexit pronte azioni legali a Londra

    DOP e IGP fuori dagli accordi Brexit, tremano i produttori apulo-lucani. Nel negoziato sulla Brexit, un mancato accordo o un accordo senza garanzie per DOP e IGP UE nel Regno Unito «sarebbe negativo per le imprese e i consumatori» e «potrebbe innescare azioni legali nei tribunali britannici da parte dei consorzi per cercare compensi per i danni che subirebbero». E quanto dichiara Claude Vermot-Desroches di oriGIn Eu, la sezione di Bruxelles di oriGIn, alleanza dei produttori a indicazione geografica di tutto il mondo. Il futuro sisteIT nomia di Puglia e Basilicata. Le due regioni, rispettivamente, contano su 19 e 9 tra DOP e IGP. La Puglia, stando al sito www.dop-igp.eu del ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, può e deve difendere i prodotti denominati: Arancia del Gargano IGP, Burrata di Andria IGP, Caciocavallo Silano DOP, Canestrato Pugliese IGP, Carciofo Brindisino IGP, Cipolla bianca di Margherita IGP, Clementine del Golfo di Taranto ...
  • 3 settembre 2018

    Standard Iso 27001: la certificazione di qualità si fa strada tra gli studi legali

    Sono sempre più numerosi gli  studi legali che avviano le complesse procedure per poter ottenere le certificazioni necessarie allo svolgimento del proprio lavoro secondo i massimi standard di sicurezza e qualità utili anche a tutelare a livello globale le produzioni agroalimentari made in Italy di Qualità e in particolare le Indicazioni Geografiche. Un requisito, peraltro, che è sempre più spesso inserito nei bandi e nella gare che imprese italiane ed estere promuovono per l'assegnazione di incarichi, anche professionali. È quanto emerge da una ricognizione condotta da Affari Legali presso i principali studi legali che operano in Italia. Lo Standard Iso 27001 è una normativa internazionale che certifica le organizzazioni in grado di assicurare la protezione di dati e informazioni da minacce di ogni tipo, e in particolare dagli attacchi informatici. Iso 27001, è ad oggi lo standard internazionale più rigoroso per la gestione della sicurezza delle informazioni. E ...
  • 30 agosto 2018

    Pantelleria Doc Festival

    Conto alla rovescia per il Pantelleria Doc Festival, promosso dal Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini a DOC dell'Isola di Pantelleria  e dal Consorzio turistico Pantelleria Island: saranno dieci giorni (31 agosto - 9 settembre) di iniziative per svelare l'identità dell'isola giardino del Mediterraneo. Il programma coinvolgerà le diverse contrade, con iniziative culturali, percorsi benessere, pratiche sportive all'aria aperta, degustazioni di vino e cibo, approfondimenti tematici legati all'identità dell'isola. «Sperimentiamo un nuovo modello integrato di turismo - spiega Benedetto Renda, Presidente del Consorzio - che vede la filiera vitivinicola protagonista». SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO
  • 30 agosto 2018

    Vendemmia 2018 ottimismo del settore, crescita prevista fra il +10% e il +15%

    La vendemmia del 2018 parte nel segno dell'ottimismo secondo le prime indicazioni di due delle principali organizzazioni agricole del Paese. Confagricoltura prevede un aumento dei raccolti in Emilia Romagna del +25%, in Veneto, Trentino e Umbria tra il +15% ed il +20%, in Lombardia e Marche tra il +5% ed il 10% ed in Puglia raccolti probabilmente nella media, nonostante le pesanti grandinate che hanno colpito i filari del Primitivo di Manduria. In alcuni areali del Lazio, invece, si annuncia un calo della produzione dovuta alla forte pressione di malattie fungine. Peronospora e mal dell’esca, dovuti alle piogge, hanno creato problemi in alcune zone d’Italia. Nel complesso, però, le piogge, spesso necessarie, delle ultime settimane non hanno provocato danni, e la qualità delle uve appare ottima, con acidità e gradazione nei giusti parametri. In Franciacorta, dove si è già al lavoro, si prospetta una vendemmia lunga e minuziosa, ed un ruolo sempre più centrale, secondo ...
  • 30 agosto 2018

    Agrumi del Gargano IGP danneggiati dalla grandine

    Tre milioni di euro di perdite stimate per il mancato raccolto e danni ancora più pesanti sulle piante, lesionate da chicchi di grandine grandi almeno quanto monete da due euro. La filiera agrumicola del Gargano si lecca le ferite dopo il passaggio dell'ondata di maltempo che, nei giorni scorsi, ha compromesso le prossime raccolte di arance e limoni, attese per il mese di novembre. "La grandinata ha interessato soprattutto l'Oasi Agrumaria che si estende su 800 ettari tra Rodi, Vico e Ischitella, ovvero tutti e tre i comuni che rientrano nel territorio delle IG Arancia del Gargano IGP e Limone Femminello del Gargano IGP spiega Antonella D'Arnese, membro del Cda del Consorzio di tutela dell'Arancia del Gargano IGP e del Limone Femminello del Gargano IGP. "Si registrano - prosegue D'Arnese - danni non indifferenti in quanto abbiamo perso i frutti e, in alcune zone, specie nelle campagne più alte, c'è stata una vera e propria defogliazione. Bisognerà attendere per ...
  • 29 agosto 2018

    Il limone dell’Etna prosegue l’iter verso l’IGP

    Si appresta ad affrontare l'ultimo step, l'associazione "Limone dell'Etna" per ottenere il riconoscimento IGP, stabilito nel regolamento dell'Unione europea n°1151/2012 e nel decreto del 14 ottobre 2013. La convocazione di una riunione di pubblico accertamento è stata prevista per l'11 settembre nell'aula consiliare del Palazzo di Città ad Acireale. Durante la riunione verrà letta la proposta di disciplinare di produzione, alla presenza dei rappresentanti del Mipaaft per consentirgli di verificare la rispondenza della disciplina proposta, dei metodi costanti e leali previsti dal regolamento dell'Unione europea, al fine di ottenere l'indicazione geografica protetta "Limone dell'Etna" riservata ai limoni che rispondono alle condizioni e ai requisiti contenuti nel disciplinare, considerato che già nel 2017 ha ottenuto il parere favorevole dall'assessorato regionale all'Agricoltura. Alla riunione sono stati invitati i Comuni di Aci Bonaccorsi, Aci Castello, Aci Catena, Aci ...
  • 29 agosto 2018

    L’export del vino cresce, USA e Germania i nostri clienti top

    Ottimi numeri per i vini italiani: secondo le statistiche dei primi 5 mesi del 2018 di Eurostat, le nostre esportazioni hanno toccato i 2,9 miliardi di dollari, + 18% sullo stesso periodo del 2017. Il mercato principale resta quello USA, che assorbe il 25% delle esportazioni italiane, con 744 milioni di dollari in valore, ed una crescita del 17%. Idem per la Germania, con una quota di 496 milioni di dollari, davanti al Regno Unito, che con un +6,9%, ha toccato i 332 milioni. L'export tricolore cresce nei primi 15 mercati. Dalla Svizzera, che ha fruttato 194 milioni di dollari (+28%), al Canada, a quota 150 milioni, con una crescita del 12%. Ma l'aumento più sostenuto in percentuale è quello della Svezia, che con il suo +33% ha importato vino per 94 milioni, davanti alla Francia, che ha fatto segnare un+27%, a 85,5 milioni. A completare la top 10 delle destinazioni del vino tricolore, ci sono il Giappone, il più importante dei mercati asiatici (+ 12%), la Danimarca (+ 11%) e i ...
  • 29 agosto 2018

    Chianti DOP, numeri in crescita per un vino a vocazione globale

    Chianti DOP in crescita: +4% delle vendite nel 2017 e i primi cinque mesi del 2018 confermano la tendenza al rialzo, con un aumento stimato del +2%. Il 70% del prodotto viene destinato all'estero, in particolare USA, Germania e Regno Unito. La tenuta dei prezzi poi, con una media di 150 curo per ettolitro, permette di coprire i costi sostenuti in tutta la fase produttiva. È questo il quadro economico che si delinea per la denominazione, come spiega il presidente del Consorzio Vino Chianti, Giovanni Busi. Che cosa si prevede per la fine dell'anno? La tendenza è sempre positiva, con numeri che confermano e rafforzano la denominazione sui mercati, soprattutto esteri. Siamo riusciti a superare il periodo delle piogge intense, che ha messo in difficoltà le imprese da un punto di vista fitosanitario. Quello che vedremo nel prossimo futuro sarà una riduzione di quantità rispetto al trend. La qualità invece sarà sempre buona, ma il livello potremo determinarlo dopo la vendemmia...
  • 29 agosto 2018

    Annus Horribilis del cocomero. Nel lazio si lavora al riconoscimento dell’IGP

    Il frutto simbolo dell'estate, l'anguria, sta vivendo una campagna commerciale difficile: le vendite, influenzate da un andamento meteo ballerino, hanno viaggiato col freno a mano tirato e solo ad agosto c'è stata una ripresa dei consumi e prezzi più soddisfacenti per i produttori. Lo conferma a ItaliaOggi Claudio Filosa, presidente della cooperativa Latina Ortaggi "La campagna è partita a maggio senza troppi sussulti, a giugno c'è stata una sovrapposizione con la Sicilia e il mercato non è stato capace di assorbire il surplus produttivo. Ad agosto, per fortuna, c'è stata una ripresa delle vendite e l'export in Nord Europa ora ci sta dando soddisfazioni". Anche secondo una recente indagine di Cna la stagione estiva dell'anguria «non si era aperta molto bene. Soprattutto a causa dell'arrivo di prodotto dalla Grecia in enorme quantità e a prezzi stracciati». A luglio si è toccato il fondo con quotazioni in campagna di pochi centesimi al chilo. «I prezzi delle angurie sono ...